Rock Tombstones: arriva la guida ai luoghi sacri del rock mondiale

Comunicato stampa:

Luca Fassina

ROCK TOMBSTONES

LUOGHI SACRI DEL ROCK

27 Luglio 2018

Questa è una guida dedicata a tutti gli amanti della musica, per scoprire quali sono i luoghi dove riposano le spoglie dei propri idoli o dove sono ricordati dai fan. Per ognuna delle oltre cento rockstar scomparse troverete notizie sulla carriera, sui motivi e le circostanze della loro dipartita e, cosa più importante, informazioni sul dove recarsi per portar loro un ultimo saluto.

Le informazioni riportate in questa guida sono state pazientemente raccolte negli anni attraverso libri, giornali, siti web e le testimonianze di famigliari, amici, giornalisti che si sono occupati delle loro storie; gli indirizzi, tutti accompagnati dal rispettivo posizionamento GPS, portano ai vari cimiteri o nei molti sacrari sorti ad opera dei fan e divenuti vere mete di pellegrinaggio: dalla Graceland di Elvis al Marc Bolan’s Rock Shrine, dalla statua di Freddie Mercury al mosaico di John Lennon. Anche quando non sono facili da trovare, come la tomba di Ronnie James Dio, o non hanno nemmeno una lapide, come quella di Frank Zappa. Passando per i luoghi degli incidenti di Razzle, Steve Lee, Cliff Burton agli alberghi e le abitazioni che hanno visto gli ultimi minuti della vita di Kurt Cobain, Syd Barrett, Chris Cornell.

Portatela con voi nei vostri viaggi e durante le vostre vacanze in America, Europa, Australia per seguire le pratiche indicazioni e trovare i luoghi sacri del rock.

Luca Fassina è un giornalista musicale dal 1988. Ha scritto per Hard!, Monsters!, Metal Maniac, RollingStone. it. Oggi collabora con Classic Rock Lifestyle e con LoudandProud.it. Per Tsunami Edizioni ha tradotto Punk Rock Blitzkrieg, ha scritto On Stage (Back Stage) – che è diventato un programma di RocknRollRadio.it – 100 Grandi Rock Ballad selezionate da Marco Garavelli e curato Headbang ’80 – Dieci anni di Metal nell’obiettivo di P. G. Brunelli.

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login