Rob Zombie: contratto discografico con Nuclear Blast e nuovo album nel 2019

Comunicato stampa:

Nuclear Blast Records è felice di annunciare di avere messo sotto contratto l’icona del Rock e dell’Heavy Metal, nonché regista unico, ROB ZOMBIE. Il successore del suo album del 2016 “The Electric Warlock Acid Witch Satanic Orgy Celebration Dispenser” e di “Astro-Creep: 2000 Live” (2018) è previsto per l’anno prossimo.

ROB ZOMBIE dichiara:

Sono davvero entusiasta di lavorare con i ragazzi di Nuclear Blast. L’unione tra l’etichetta e il nostro più incendiario capolavoro non può che uscire vincitrice dall’infernale tumulto.

Nuclear Blast aggiunge:

Noi di Nuclear Blast, come fan, abbiamo ammirato a lungo il talento di ROB ZOMBIE attraverso la sua lunga e stimata carriera nella musica e nel cinema. È un’eccitante opportunità quella di unire il talento visionario di ROB con l’acume di Nuclear Blast. Nuclear Blast nella sua storia ha sempre pensato fuori dagli schemi e ha dato vita ad esperienze uniche per i fan. Non vediamo l’ora di continuare a offrire queste esperienze uniche ai fan di tutto il mondo negli anni a venire con il leggendario ROB ZOMBIE.

ROB ZOMBIE ha continuamente sfidato il pubblico, allargando i confini di musica e cinema. Ha venduto più di trentatré milioni di album in tutto il mondo ed è l’unico artista ad avere ottenuto un successo senza precedenti nella musica e nel cinema come sceneggiatore e regista di sette film, che hanno incassato oltre 150 milioni di dollari nei botteghini di tutto il mondo.

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login