Rob Halford: “pregare mi ha aiutato molto”

Rob Halford, cantante dei Judas Priest, spiega in una apparizione al podcast ufficiale del frontman degli Hatebreed Jamey Jasta, “The Jasta Show“, di come la sua fede in un’entità superiore lo abbia aiutato a restare pulito e sobrio dal gennaio del 1986.

Dice Halford:

Sono un ragazzo diverso da quando avevo 20 anni, credere mi ha aiutato a guardare il mondo in modo differente: giorno per giorno, a scoprire cosa era più prezioso per me. Quando mi sono ripulito 28 anni fa è stato un grande cambiamento nella mia vita e parte del mio recupero è stato grazie solo a questa mia convinzione in qualcosa di superiore. Funziona, credetemi e per un uomo è davvero molto importante.

Probabilmente ci saranno persone che ascoltano questo podcast che non hanno avuto bisogno di niente di simile nella loro vita, va bene. Ma io dico sempre alla gente a questo proposito che la cosa più semplice che faccio è pregare.
Attualmente prego parecchio e anche se non credete nella preghiera, provatelo almeno per un giorno: pregate per una buona giornata o semplicemente per il vostro amico o qualsiasi altra cosa potrebbe essere, vedrete che servirà. Vi garantisco che funziona veramente. Ora mi sento un po’ come Billy Graham, (americano evangelista cristiano evangelico), ma sto solo cercando di esprimere alcune delle cose che sono importanti per me giorno per giorno che mi rendono in grado di andare avanti e a decidere cosa fare.

Halford afferma che non vuole predicare e costringere la gente a bere ed agire in modo responsabile, ma si affretta a mettere in guardia i nuovi musicisti che ci saranno conseguenze per le loro azioni:

Io dico ai ragazzi di non ascoltare quello che dico se non vogliono, perché è la loro vita. Ma si fanno scelte che a lungo andare possono ritornarti indietro attraverso la strada intrapresa e quando lo fanno, devi pensare cosa fare per superare quelle cose in cui non ti senti più a tuo agio.
Perché, se si diventa dipendenti, si creano un sacco di problemi e di squilibri.
Inoltre se fai parte di una band devi anche pensare che c’è gente che lavora duro per mettere via i soldi per comprarsi un biglietto per potere vederti dal vivo e inciampare sul palco perché magari hai bevuto tutta la notte è una mancanza di rispetto per il tuo pubblico.
Spero di non sembrare un predicatore. Sto solo cercando di dare a gli ascoltatori un po’ della visione di quello che penso, che per me è molto importante.
Non si parla solo di drogarsi o bere molto, si può mangiare talmente tanto o qualsiasi altra cosa da non riuscire ad esibirsi: non è facile stare pulito e sobrio nel rock and roll, ci sono tentazioni a bizzeffe dal momento in cui ti svegli al momento in cui si va a dormire, soprattutto quando si è in tour.

robhalfordbreakingthelaw2014

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login