Header Unit

Rhapsody: le band di supporto delle date italiane

Comunicato stampa:

Le leggende italiane del symphonic metal RHAPSODY sono attualmente in tour intorno al mondo con il loro “20th Anniversary Farewell Tour”. Oggi la band svela le band di supporto nelle date europee di febbraio e marzo. In apertura ci saranno i rumeni SCARLET AURA e a seguire i compagni di etichetta BEAST IN BLACK, che hanno da poco pubblicato il debutto “Berserker”.

I BEAST IN BLACK dichiarano:

Non possiamo esprimere a parole quanto ci sentiamo onorati di avere la possibilità di partecipare al ‘20th Anniversary Farewell Tour’ dei RHAPSODY! Sono i pionieri del symphonic power metal e hanno influenzato un’intera generazione. Sarà davvero eccitante suonare di supporto a loro!

RHAPSODY
“20th Anniversary Farewell Tour” – Europa
con BEAST IN BLACK, SCARLET AURA

17.02. I Bologna – Zona Roveri
18.02. I Roncade (TV) – New Age
19.02. I Roma – Orion
20.02. I Milano – Alcatraz

I RHAPSODY comprendono Fabio Lione (voce), Luca Turilli (chitarra), Dominique Leurquin (chitarra), Patrice Guers (basso) e Alex Holzwarth (batteria).
Emersi nel 1997 con l’album “Legendary Tales”, i RHAPSODY sono divenuti una band acclamata in tutto il mondo grazie al loro stile unico, epico ed orchestrale. ‘Emerald Sword’, ‘Wisdom Of The Kings’, ‘Knightrider Of Doom’, ‘Symphony Of Enchanted Lands’, ‘Dawn Of Victory’, ‘Lamento Eroico’ e ‘Holy Thunderforce’ sono alcuni dei classici che verranno suonati durante il tour assieme ad altre canzoni mai eseguite prima d’ora dal vivo.

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login