Refuge: la formazione storica dei Rage sotto contratto con Frontiers Records

I Refuge, ovvero la formazione storica dei Rage composta da Peavy Wagner (basso e voce), Manni Schmidt (chitarra) e Christos Efthimiadis (batteria), si sono riuniti qualche anno fa per riportare on stage i vecchi classici del gruppo primigenio. È notizia di oggi che la band ha firmato un contratto con Fronteries Records per poter registrare materiale inedito che confluirà in un disco. Ancora nessuna notizia è trapelata in merito a eventuali registrazioni.

Queste le parole di Manni Schmidt a margine della firma.

Abbiamo suonato a diversi festival la scorsa estate e subito ci siamo resi conto che l’alchimia tra noi era ancora viva e forte. I concerti funzionavano ed erano naturali e diverse idee per nuove canzoni sono nate in quel periodo. Idee che non volevamo andassero perse perché ci piacevano tanto. In qualche modo i tipi di Frontiers sono venuti a conoscenza di questa cosa e ci hanno offerto un contratto. Io, Peavy e Efthi siamo emozionati nel comunicarvi che registreremo un nuovo album con canzoni inedite a nome Refuge.

Peavy Wagner precisa, invece, la sua posizione rispetto alla sua creatura, i Rage.

I Refuge e i Rage sono due differenti band adesso. Con i Refuge potevo portare onstage vecchi brani della prima era dei Rage che non trovavano posto nella setlist dei nostri ultimi concerti. Inoltre, i Refuge sono formati da musicisti diversi che hanno idee differenti dalla mia. Sono più old school. Ve ne accorgerete quando avrete tra le mani il nostro album.

Refuge Contratto Frontiers

Pasquale Gennarelli

view all posts

"L'arte per amore dell'arte". La passione che brucia dentro il suo cuore ad animare la vita di questo fumetallaro. Come un moderno Ulisse è curioso e temerario, si muove tra le varie forme di comunicazione e non sfugge al confronto. Scrive di Metal, di Fumetto, di Arte, Cinema e Videogame. Ah, è inutile che la cerchiate, la Kryptonite non ha alcun effetto su di lui.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login