Quiet Riot: è morto Frankie Banali, il ricordo degli altri musicisti

La notizia della morte di Frankie Banali, storico batterista dei Quiet Riot, è arrivata ieri sera. Banali aveva 68 anni ed era in cura da tempo per un cancro al pancreas. La reazione dei musicisti, soprattutto statunitensi, che lo conoscevano per un motivo o un altro, è stata immediata e molto sentita. I social sono stati letteralmente invasi da commenti più o meno articolati, alcuni dei quali molto affettuosi e personali, che ricordano Banali sia come ottimo musicista che come persona dal carattere gentile e dalla grande forza d’animo. 

Blackie Lawless dei WASP ha scritto un post molto lungo e fitto di aneddoti, ricordando come Banali fosse stata la prima persona conosciuta al suo arrivo a Hollywood, nel luglio 1975, l’inizio di un’amicizia che si è protratta nel corso degli anni, legata sia alla musica che alla condivisione di altre passioni, come quella per il baseball. 

Anche la Frontiers Music Srl ha voluto ricordare il batterista; i Quiet Riot si sono esibiti in Italia anche nell’ambito del Frontiers Rock Festival 2018.

Glenn Hughes su Instagram.

Visualizza questo post su Instagram

So very very sad that my brother Frankie Banali passed away last night 🙏 Words cannot Express how I feel at this very moment. I met Frankie in 1981, when @pat_thrall and myself were preparing to make the Hughes/ Thrall album . We needed a drummer. Trust me, we got way more than a Drummer . He was always first to arrive at the rehearsal studio in Burbank, and first to arrive at United Western Studios, Hollywood, where we were making the record. Our relationship thrived throughout the years. There was no one more honorable, loyal , courageous , & committed to both music and friendships, than Frankie . He was always there for me , through it all , and never wavered . Gabi and I send all our love & prayers to Regina and Ashley Banali . Picture: Pat , Frankie & I in Burbank California , Summer 1981. Please share the love for Frankie, he is #PURELOVE 🕊🙏🧡

Un post condiviso da Glenn Hughes (@glennhughesonline) in data:

Rudy Sarzo (che fino a pochi giorni fa aveva condiviso sui propri canali social gli aggiornamenti di stato pubblicati da Banali stesso).

Tracii Guns.

Mikkey Dee.

David Coverdale.

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login