Pink Floyd: “Dark Side Of The Moon” come allarme contro la NSA

Secondo un rapporto pubblicato dal sito web del giornale londinese The Guardian, un nuovo add-on su Firefox, soprannominato Dark Side Of The Prism, riproduce automaticamente le tracce dall’album “Dark Side Of The Moon” del 1973 dei Pink Floyd ogni volta che un utente visita siti come Google o Facebook che sono coinvolti nello scandalo sul programma snooping, che consente di ascoltare le conversazion tra host e router, creato dalla National Security Agency (NSA). Secondo il suo creatore, sviluppatore e artista Justin Blinder, l’idea è di creare una sorta di comunicazione acustica per avvisare che si è su un sito che viene sorvegliato dalla NSA. Alla domanda sul perchè abbia scelto i Pink Floyd come allarme Justin Blinder ha risposto:

Ho cercato su google “Prism” e la prima cosa che mi è apparsa è la cover di “Dark Side Of The Moon“, dato che la musica è abbastanza discreta, ho deciso di utilizzarla anche per non creare ulteriori allarmi a chi pensa di essere sorvegliato giornalmente.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login