Header Unit

Phil Rudd: “Vorrei lavorare ancora con Angus Young”

In attesa di vederlo in azione dal vivo in Italia a inizio maggio, Phil Rudd torna a parlare di un futuro in ambito musicale, con parole che lasciano trasparire una voglia di rivalsa e di progetti che sembrano lasciarsi alle spalle le varie denunce e i processi dell’ultimo periodo. Nel corso di una recente intervista, Rudd ha infatti parlato a lungo dei desideri, che lo vorrebbero ancora coinvolto in una collaborazione con gli AC/DC:

Mi piacerebbe essere coinvolto ancora in qualcosa con Angus, magari nel prossimo album o cose del genere. Ma ho ancora un po’ di restrizioni sui viaggi, non so se posso già andare negli Stati Uniti oppure no. I miei avvocati ci stanno lavnrando in modo che io possa tornare in America, ma non sono troppo sicuro. Per ora ho un po’ di limitazioni su quello che posso fare, ma sto dando il meglio di me per quello che posso fare al momento.

Rudd forse non ha fatto i conti con gli ultimi avvenimenti legati agli AC/DC, come l’uscita di Cliff Williams dalla band, ma fa piacere sentire una volta tanto dei progetti che guardano al futuro in positivo. Rudd ha anche spiegato quali sono allo stato attuale i suoi contatti con i membri storici degli AC/DC:

Sì, sono in contatto con loro. Mi sento con Brian Johnson, ma parliamo di macchine, poi parlo con Cliff Williams, e parliamo di tutto. Sono solo chiacchiere tra vecchi amici. Ma sono sicuro che Angus abbia un po’ di idee nuove. Ha fatto un ottimo lavoro su “Rock Or Bust”, è un ottimo album, uno dei migliori che abbiano mai fatto, di sicuro. “Brendan O’Brien”, che è uno che sa capire i chitarristi, ha fatto un ottimi lavoro di produzione. Angus ha fatto un ottimo lavoro e anch’io sono molto contento del mio lavoro.

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login