Header Unit

Nevermore: Jeff Loomis non esclude la possibilità di una futura reunion

Jeff Loomis non chiude la porta, ed ipotizza un futuro per i Nevermore. Un futuro che però, è lo stesso Loomis a precisarlo, non ha ancora una dimensione precisa. Una serie di dichiarazioni concesse durante una chiacchierata con i colleghi di Ultimate Guitar, che fanno sperare, ma che sono ben decise nel fissare le priorità del biondo chitarrista: gli Arch Enemy.

Parlo ancora con Warell di tanto in tanto, è tornato con i Sanctuary, ed è una gran cosa. Abbiamo passato 18 fantastici anni nei Nevermore, ma le cose purtroppo sono finite nel peggiore dei modi. A quel tempo nella band si beveva molto, e credo che quello sia stato il chiodo finale, che ha sigillato la bara di una band che ad oggi è divisa. 18 anni in una band sono quasi come un matrimonio, e quando le cose si sono spezzate così ha fatto il nostro cuore.

Ma ecco che Loomis lascia da parte l’amarezza e apre ad un futuro di nuovo insieme

Forse un giorno mi ritroverò faccia a faccia con Warrel per parlare dei problemi che abbiamo avuto. Il tempo cura tutte le ferite e la vita è troppo breve, quindi spero che uno di questi giorni con Warrel ci sia modo di parlare dei nostri problemi e delle nostre differenze. Come amici. Sarebbe una cosa fantastica. Ma al momento tutti noi stiamo facendo cose diverse, ed è una gran cosa. Ora suono negli Arch Enemy. I Nevermore sono un capitolo ad oggi chiuso. Non ho mai detto no per partito preso, c’è sempre spazio per provare. E se gli accadimenti della vita dovessero essere dalla nostra parte, allora ci potrebbe essere la possibilità di scrivere nuove canzoni insieme. Magari un altro album. Tutto è possibile.

Saverio Spadavecchia

view all posts

Capellone pentito (dicono tutti così) e giornalista extraordinaire in perenne bilico tra bilanci dissestati, musicisti megalomani e ruck da pulire con una certa urgenza. Nei ritagli di tempo “persona seria” per n-mila testate e prodigioso “untore” black-metal @ Radio Sverso. Fanatico del 3-4-3 e vincitore di 27 Champions League con la Maceratese, Dovahkiin certificato e temibile pirata insieme a Guybrush Threepwood. Ah sì, anche “cantante” in una band metal-qualcosa. Non ci facciamo mancare niente insomma. Lode e gloria all’Ipnorospo.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login