My Dying Bride: approfondimenti sul singolo “Tired Of Tears”

Comunicato stampa:

Manca solo una settimana all’uscita di “The Ghost Of Orion”, il nuovo album delle leggende britanniche del doom MY DYING BRIDE. Per ingannare l’attesa oggi Aaron parla della genesi dell’ultimo singolo ‘Tired Of Tears’ e svela che sua figlia parteciperà a una canzone pubblicata in un EP entro fine anno.

I tre tormentati decenni dei My Dying Bride sono quasi terminati alcuni anni fa. Dopo l’album “Feel the Misery” del 2015, incensato universalmente, alla figlia del cantante Aaron Stainthorpe, che all’epoca aveva solo cinque anni, è stato diagnosticato un cancro. Scioccato e con il cuore spezzato, Stainthorpe sospese tutte le attività della band mentre egli, la sua famiglia e i My Dying Bride stessi misero tutte le loro energie per sradicare quello che Stainthorpe chiamava “la più crudele delle creazioni tristi e senza amore di Dio”. Tuttavia, questi difficili ostacoli non si sono limitati al cancro. Nel 2018, il membro originario e chitarrista Calvin Robertshaw ha lasciato la band, con effetto immediato, senza alcuna spiegazione. In seguito, proprio quando i My Dying Bride si erano riuniti dopo la notizia positiva che la bambina era effettivamente guarita dal cancro, il batterista Shaun Taylor-Steels se ne è andato, poco prima che la band entrasse nello studio di Mark Mynett, Mynetaur Productions. Senza due membri, ma sentendosi come nuovi, i My Dying Bride sono andati avanti, hanno combattuto la depressione, registrando un magnifico nuovo album, “The Ghost of Orion” e facendo piangere di gioia i fan di tutto il mondo.

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login