Motörhead: tornano a giugno per una data a Milano

Comunicato stampa:

Ritornano i Motörhead, il trio più famoso della musica pesante inglese, capitanato da uno tra i personaggi più carismatici del music business di tutti i tempi: Lemmy. La band arriverà in Italia martedì 24 giugno 2014 sul palco dell’Ippodromo del Galoppo di Milano, nell’ambito della rassegna City Sound.

Con la nuova data milanese, i Motörhead recuperano quella cancellata lo scorso giugno: un’occasione da non perdere per rivedere la formazione a tre anni di distanza dall’ultima esibizione nel nostro paese.

I Motörhead hanno bisogno di ben poche presentazioni, hanno scritto pagine indelebili del rock più diretto e veloce di sempre. “Ace of Spades“, “Overkill“, “Born to raise hell“, “Stone dead Forever” sono solo alcuni dei titoli dei capolavori che Lemmy ha sfornato in quasi quarant’anni di carriera. La band ha da poco pubblicato “Aftershock”, il 21esimo album in studio, che testimonia quanto il terzetto sia ancora un’autentica macchina da guerra. Definito dalla rivista New Noise Magazine come “il migliore della band degli ultimi 20 anni” e salutato come un ritorno alle sonorità delle origini, il disco ha venduto 11.000 copie negli U.S.A. nella prima settimana, raggiungendo la posizione n. 22 della Billboard 200 chart.

I Motörhead sono in assoluto la formazione che ha ricevuto più riconoscimenti e premi nel mondo dell’hard rock, vendendo quasi cinquanta milioni di dischi, di cui diciotto solo negli Stati Uniti. La formazione attuale, stabile dal 1992, vede il leader indiscusso Lemmy Kilmister al basso e alla voce, Phil Campbell alla chitarra e Mikkey Dee alla batteria.

www.imotorhead.com

I dettagli della data:

MOTÖRHEAD + special guests
Martedì 24 Giugno 2014
Milano, Ippodromo City Sound
Apertura porte: 18.30 – Inizio show: 19.30
Biglietti:
– € 40,00 + d.p. posto unico in piedi
– € 50,00 + d.p. tribuna numerata

Motorhead

selene.farci

view all posts

La mistress del team news di Metallus.it. Ogni virgola fuori posto è una frustata ai poveri redattori che ormai implorano pietà. Dalla Sardegna con furore, ma al posto del tunz tunz del Billionarie il suo pensiero fisso è la Love Machine di Blackie Lawless. Si divide tra la macchina fotografica, matrimoni e metallo colante.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login