Mortiis: arrivano le ristampe del side-project Vond

Dopo vent’anni di silenzio, i Vond, il lato più oscuro di Mortiis degli anni ’90, pubblicheranno le ristampe dei vecchi lavori attraverso la tedesca Funeral Industries. Verranno ristampati i tre dischi ormai da tempo esauriti – “Selvmord”, “The Dark River” e “Green Eyed Demon” – oltre alla compilation “AIDS to the People”.

“Selvmord”, traducibile come “suicidio”, è il full-length del 1994, pubblicato in LP a tiratura limitata dall’olandese Necromantic Gallery. “Includemmo una lametta nelle prime venti copie”, ricorda Mortiis, “ma non mi risulta che ci sia stato alcun suicidio”. Quella versione del disco è stata sold out per vent’anni; è stata poi pubblicata in CD da svariate etichette.

vond-1

Registrato e pubblicato nel 1996, “The Dark River” uscì in vinile e CD sull’etichetta di Mortiis stesso, Dark Dungeon Music. Sono state poi realizzate altre edizioni, oltre a bootleg.

vond3

“Green Eyed Demon” uscì nel 1997. “Questo disco è diverso perché ispirato al dark industrial noise”, spiega Mortiis. “E’ di difficile ascolto, più di altre pubblicazioni a nome Vond”. LP e CD uscirono per l’americana Cybertzara Records.

vond-4

“AIDS to the People” contiene due canzoni del 7″ di debutto del 1993 Vond (poi conosciuto come Havard-Vond), sold out da oltre vent’anni, e tre canzoni tratte dall’EP del 1995 dal medesimo titolo.

vond-5

Le quattro pubblicazioni saranno disponibili in vinile e CD.  Gli LP saranno in edizione limitata (650 vinili neri e 100 vinili blu). Le ristampe saranno disponibili dal 10 gennaio.

Saverio Spadavecchia

view all posts

Capellone pentito (dicono tutti così) e giornalista in perenne bilico tra bilanci dissestati, musicisti megalomani e ruck da pulire con una certa urgenza. Nei ritagli di tempo “untore” black-metal @ Radio Sverso. Fanatico del 3-4-3 e vincitore di 27 Champions League con la Maceratese, Dovahkiin certificato e temibile pirata insieme a Guybrush Threepwood. Lode e gloria all’Ipnorospo.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login