Mnemic: pausa a tempo indeterminato

Dopo mesi di silenzi, arriva in casa Mnemic un aggiornamento da parte dell’ultimo membro originale e fondatore, Mircea, per darci purtroppo delle notizie non buone.
Di seguito le sue parole.

Cari amici di Facebook, seguaci e nemici,

Questo è uno stato che arriva dopo oltre sei mesi dall’ultimo aggiornamento e quindi devo chiedere umilmente scusa.
Essendo l’ultimo membro originale e fondatore dei Mnemic, sento che è mia responsabilità e che è finalmente il momento di rompere il silenzio e fare luce sull’attuale situazione della band e sulle prospettive future. Sono sicuro che tutti coloro che hanno seguito la nostra carriera, ascoltato la nostra musica e che hanno avuto una sorta di relazione coi Mnemic si stanno chiedendo cosa bolla in pentola.

La ragione principale di questo aggiornamento è il fatto che ovunque io sia andato le persone che ho incontrato mi hanno chiesto: “Quando suonerete di nuovo live? Quando uscirà un nuovo album? Cosa sta succedendo nella band? Perché siete così silenziosi? Nessuna novità”?.

Bene, ecco un po’ di background.. Quando abbiamo iniziato con la band, eravamo influenzati da tre grandi artisti: Meshuggah, Fear Factory e Strapping Yound Lad. Avevamo una comune visione artistica del sound e del look ed un obiettivo comune durante la composizione. Eravamo tutti in grado di comunicare musicalmente sullo stesso livello, così tutti abbiamo contribuito con la nostra personale firma alla visione più grande. Per fortuna abbiamo rilasciato degli album con una grande e grandiosa etichetta, fatto tour in 4-5 continenti e abbiamo anche fatto amicizia con le band che ci hanno influenzati, anche i Metallica ci hanno richiesti! Questo è qualcosa che molte band oggi possono solo sognare – chiamateci pure estremamente e fottutamente fortunati.
Il fatto è che le persone e le situazioni cambiano, e passando per diversi cambi di formazione e non essendo la musica in grado di generare un reddito per sopravvivere, la visione delle cose è cambiata.

Non sarò mai in bancarotta nella creatività ma il mio gusto personale nella musica è cambiato nel corso degli anni. Io non sono interessato a produzioni pulite, a riff djent poliritmici ad una corda aromatizzati a ritornelli melodici. Ho scritto questo tipo di musica per oltre un decennio e, per dirla semplicemente, sono nauseato e stanco di questo. Per essere totalmente sincero detesto il genere djent, perché non importa quanto sia grande il talento di queste band o di questi musicisti, non si può scrivere una bella canzone, hanno tutte lo stesso suono – almeno per me. Sono anche sicuro del fatto che siamo regrediti come band (o musicisti) se alcuni ci considerano come parte del genere djent.

In conclusione, a tutti coloro che ho incontrato e che se lo stanno chiedendo, tutto ciò che posso dire è che non ci sono spettacoli in programma, nessuna nuova musica e nessun nuovo album. Perché? Perché non c’è più una visione artistica e il mio cuore non batte più per questa musica. Ho sete di potenza pura, di semplicità, di belle canzoni. Questo è anche il motivo per cui ho deciso di rifiorire in una nuova formazione, chiamata Blood Eagle – check it out, è una band death metal e il sound non ha niente a che vedere coi Mnemic.

E’ un mondo dinamico e il cambiamento è l’unica costante, se non si continua ad innovarsi si esce dai giochi. In altre parole, i Mnemic sono in pausa o in rottura. Solo il tempo dirà se torneremo insieme con la vecchia on con la nuova line-up per fare nuova musica.

Nel frattempo mi piacerebbe sentire i vostri pareri, cosa pensate che dovremmo fare, quanto ci mandate a fanculo, quanto ci amate, quanto paghereste per noi per vedere chiuso questo infermo e vederci fare nuova musica?

(Btw, se gradite, condividete questo post, Facebook non lo mostra a tutti coloro che ci seguono).

Grazie per l’attenzione,
Mircea

PS: e se volete leggere i miei sproloqui in generale, seguitemi sul mio Twitter @MirceaGEftemie

Mnemic

selene.farci

view all posts

La mistress del team news di Metallus.it. Ogni virgola fuori posto è una frustata ai poveri redattori che ormai implorano pietà. Dalla Sardegna con furore, ma al posto del tunz tunz del Billionarie il suo pensiero fisso è la Love Machine di Blackie Lawless. Si divide tra la macchina fotografica, matrimoni e metallo colante.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login