Mikkey Dee: “Lemmy era unico sotto ogni aspetto”

Dalle parole di Mikkey Dee emerge un intenso ritratto di Lemmy Kilmister, ritenuto dal suo batterista come una persona unica sotto ogni aspetto e che poteva poi dare grandissime soddisfazioni. Ecco che cosa ha detto Mikkey Dee a proposito del leader dei Motorhead nel corso di una recente intervista ai Metal Hammer Golden Gods lo scorso 13 giugno:

Praticamente ogni cosa era unica insieme a Lemmy. Suonare con quell’uomo era davvero una bella esperienza […]. Alll’inizio suonare con lui era molto, molto difficile, ma una volta che si stava insieme a lui e si creava un legame, dopo qualche anno, era diventato un bassista e un cantante incredibile. Era davvero unico. Non si riesce a dire che cosa esattamente facesse sì che Lemmy fosse Lemmy, e che cosa lo rendesse così unico. Per altri è più facile…per altri musicisti, si può dire: “Quel ragazzo o quella ragazza è perfetto nel suonare le scale o alla batteria”, o qualsiasi altra cosa. Lemmy era davvero una persona unica sotto ogni aspetto, forma e modo. E non so che dire di più a riguardo. Non lo so spiegare. Perchè un cibo ci piace così tanto? Perchè? […] Credo che abbiamo finito tutto nel modo migliore, col botto, un modo fantastico per porre fine alla carriera della band. Non risucivo a credere che Lemmy riuscisse ancora a suonare, sapendo che…beh, abbiamo lottato per tutto l’ultimo tour europeo, ma quando Lemmy saliva sul palco, era incredibilmente bravo. Poi gli sono mancate le forze, ma nessuno di noi credeva che sarebbe morto. Beh, lui ora è lassù, laggiù, da qualche parte, e se la ride, e continuo a dire che ogni cosa che farò da qui fino alla fine della mia carriera, sarà un piccolo tributo a Lemmy, l’uomo, l’amico e il compagno della band che ho avuto.

Motorhead_MairoCinquetti_24giugno2014-3

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login