Mike Shinoda: “I Linkin Park non useranno mai un ologramma di Chester Bennington”

Mike Shinoda ha detto la sua a proposito del dibattito sugli ologrammi di musicisti scomparsi più o meno di recente, un fenomeno che sta prendendo sempre più piede e che sta creando non pohe polemiche. In particolare, nel corso di una sessione di domande poste dai fan, Shinoda ha risposto a chi gli chiedeva se la band avesse valutato l’ipotesi di intraprendere un giorno un tour impiegando appunto un ologramma del compianto Chester Bennington. La sua risposta non dà adito a fraintendimenti:

Non riesco neanche ad immaginare che ci possa essere un ologramma di Chester. Ho sentito altre presone al di fuori della band suggerirlo, ma è assolutamente impossibile. Non posso fare un ologramma di Chester, sarebbe la cosa peggiore che si potrebbe fare. Tutti voi che avete perso una persona cara, riuscite a immaginare di avere un ologramma di quella persona? Sarebbe orribile. Non posso farlo. Non so ancora che cosa faremo in futuro, ma state sicuri che prima o poi lo capiremo.

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login