Metal Church: il lyric video del singolo “For No Reason”

Comunicato stampa:

I veterani del metal West Coast METAL CHURCH fanno ritorno con un nuovo lyric video di un’altra canzone tratta dalla raccolta “From The Vault”. Il brano nasce da un’idea risalente alle sessioni di registrazione di “Damned If You Do”“For No Reason” è la quintessenza dei METAL CHURCH e mette in luce il sound che ha consentito alla band di costruirsi una leale legione di fan in tutto il mondo.

Questa nuova opera è una speciale edizione di una raccolta con sedici canzoni inedite dell’era Mike Howe, tra cui quattro brani registrati nuovamente, compreso il pezzo classico, molto amato dai fan, “Conductor”. Le altre tracce risalgono a svariate registrazioni della storia del gruppo: cinque da “Damned if You Do” del 2018, tre cover e tre bonus track inedite del disco “XI”. Le prime quattro canzoni sono state mixate e masterizzate da Chris “The Wizard Collier” (KXM, Whitesnake, Prong, Korn) e le tracce dalla 5 alla 16 da Kurdt Vanderhoof.

Nati nella scena metal West Coast degli anni Ottanta, i Metal Church sono divenuti rapidamente uno dei talenti più promettenti del genere. Dopo aver firmato per Elektra Records, hanno pubblicato due album acclamati dalla critica: l’omonimo “Metal Church” e “The Dark”. Grazie alla nascente scena heavy metal negli Stati Uniti, i Metal Church hanno intrapreso un tour di successo con i compagni d’etichetta Metallica. Hanno affrontato problematiche politiche e sociali nei dischi “Blessing In Disguise” e “The Human Factor”. In un periodo in cui le band heavy metal si spostavano dall’underground per abbracciare l’hair e il pop, i Metal Church sono rimasti fedeli alle loro origini. A marzo 2016 i Metal Church hanno pubblicato il loro undicesimo disco “XI”, entrato al #57 della Billboard Top 200, oltre che in svariate classifiche di tutto il mondo. Anche l’ultimo album dei Metal Church, “Damned If You Do”, successore di “XI”, si è piazzato nelle classifiche di tutto il mondo nel 2018. Il disco è stato descritto come un incrocio tra l’iconico “Blessing In Disguise” e “The Human Factor”.

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login