Max Cavalera: le anticipazioni dell’autore sull’autobiografia

Nell’attesa di vedere pubblicata ufficialmente l’autobiografia di Max Cavalera, intitolata “My Bloody Roots” e prevista per febbraio 2014, sono disponibili alcune anticipazioni, fornite dallo stesso Cavalera, in cui vengono spiegati più diffusamente alcuni contenuti dei libri. Nella prima, Max Cavalera parla della sua uscita dai Sepultura:

A molte persone piace particolarmente la parte dello split con i Sepultura, perchè spiego veramente la mia parte della storia, come mi sono sentito davvero e perchè ho lasciato la mia band. E molte persone, dopo averlo letto, capiranno. E per loro avrà senso quello che ho fatto, cioè il mio avere lasciato i Sepultura. Loro avrebbero fatto lo stesso. Dopo avere letto il libro, capiranno perchè l’ho fatto e avrà senso quello che ho detto dopo lo split, penserete tutti che la cosa più razionale da fare sia stata quella di lasciare la band. Anche se fin dall’inizio è stata la mia band, era una questione di integrità. Il libro racconta tutto questo e mette un timbro finale su tutta la merda che riguarda lo “split dei Sepultura”, poi parla della nascita dei Soulfly, di quanto sia figo avere costruito tutto questo nel corso degli anni, e di quante belle persone ci hanno lavorato.

Nella seconda, il frontman risponde a chi gli chiede perchè al tempo non abbia licenziato tutta la band e ricominciato con una nuova formazione, sempre con il monicker Sepultura:

Non potevo farlo a causa dei contratti e di un insieme di merde legali del genere. All’epoca le mie uniche opzioni erano di stare con loro e fare tutto quello che volevano loro, il che avrebbe voluto dire licenziare Gloria, ma ho pensato che fosse sbagliato farlo, oppure andarmene. Sono stato lasciato senza altra scelta, per cui me ne sono andato. Ero convinto fra me e me che avrei fatto qualcos’altro.

Nella terza, Max Cavalera parla di Andreas Kisser e del suo “tenere la band in ostaggio”:

E’ tutta propaganda. Leggendo il libro capirete perchè l’ho detto. Tutti quelli che sanno come stanno andando le cose, sanno che adesso la band è presa in ostaggio da Andreas, da persone che non erano nella band dall’inizio. Siamo stati io e Igor a formare i Sepultura, Paolo e Derrick non sono membri originali. Per come la vedo, tutti loro tengono la band in ostaggio e stanno solo usando il nome della band per promuovere loro stessi. Ma stanno portando il nome verso il basso, perchè stanno diventando sempre meno popolari, e non sto sentendo niente di buono dai loro dischi. Non mi importa che cosa fanno, io resto legato ai classici Sepultura. Insieme abbiamo fatto alcuni dischi stupendi, ma fa tutto parte del passato.

max cavalera

1 Comment Unisciti alla conversazione →


  1. Robert J. Chiffi

    Ragazzi ma, dove la trovo disponibile in italiano? Dove la posso comprare?

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login