Marilyn Manson: un concerto per i terremotati? Lo vorrebbe il sindaco di un comune marchigiano

Mauro Riccioni, sindaco di Gagliole, un comune delle Marche, si è schierato contro i concerti organizzati dal movimento Risorgi Marche, promosso da Neri Marcorè, e che vedranno protagonisti alcuni artisti italiani chiamati ad esibirsi gratuitamente nei boschi marchigiani a favore dei terremotati del territorio.
Riccioni si è detto scettico circa l’utilità di questa iniziativa, sostenendo che preferirebbe invitare, a pagamento, niente meno che Marilyn Manson, secondo lui capace di attrarre molti più spettatori dei prescelti cantautori nostrani.

Ecco quanto dichiarato dal sindaco, pronto ad inviare personalmente un messaggio al buon Manson per invitarlo a suonare nelle Marche:

“Questo cantante è sempre stato rifiutato dalle prefetture di tutta Italia, perché per fare i concerti in mezzo alle città non c’erano le condizioni di sicurezza. Allora il concerto possiamo farlo in montagna, dove sicuramente non ci sono problemi di sicurezza.
Qui non si devono chiamare cantautori locali, che vengono a fare due ore di beneficenza ai terremotati. Noi non abbiamo bisogno di questo. Servono soldi, e non vedo quali soldi possano arrivare, venditore di panini a parte e quali benefici ai terremotati, che sono tutti al mare e nemmeno possono venirli ad ascoltare, i concerti gratuiti dei cantanti italiani.
Serve gente che paga il biglietto e viene ad assistere allo spettacolo, se riesco a portare Manson ai Prati di Gagliole è un evento che entra nella storia.
Domani scriverò a Marilyn Manson, poi vediamo se riesco a portare 400mila persone sui prati di Gagliole con 1 milione di euro per il Comune: in cima al monte non vi sono problemi di sicurezza, ho capito che nella vita bisogna fare un po’ i furbi. Presto una lettera di invito a Brian Warner partirà. I canali giusti li ho, penso che mi darà più retta lui che i tanti orchestrali famosi”

E chissà che il buon Brian non accolga davvero l’offerta a braccia aperte.

Ilaria Marra

view all posts

Braccia rubate alla coltivazione di olivi nel Salento, si è trasferita nella terra delle nebbie pavesi per dedicarsi al project management. Quando non istruisce gli ignari colleghi sulle gioie del metal e dei concerti, ama viaggiare, girare per i pub, leggere roba sui vichinghi e fare lunghe chiacchierate con la sua gatta Shin.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login