Killin’ Baudelaire: In Club Tour ad aprile a supporto del nuovo album “Vertical Horizon”

Comunicato stampa:

La metal band tutta al femminile KILLIN’ BAUDELAIRE, sarà dal vivo nei club in aprile per presentare il nuovo album VERTICAL HORIZON, in uscita venerdì 6 marzo per Bagana / Pirames International -per M&O Music in Francia e Benelux-. Dopo il release party già annunciato di sabato 14 marzo al Legend Club di Milano, quattro gli appuntamenti in aprile ad oggi confermati: venerdì 3 aprile saranno all’Audiodrome di Moncalieri (TO), sabato 11 a Treviso presso Nasty Boys, domenica 12 aprile al Condor Dark Club di Rubiera (RE) e sabato 25 aprile presso Valhalla di Borgo Ticino (NO).

Accanto a canzoni dall’impronta più dura e sfacciata, come il primo singolo estratto “Lullaby”, che con il suo titolo quasi ingannevole va ad aprire la tracklist con la potenza di uno schiaffo, o come “Still Burning”, “Tearing All Your Words Down”, “Stay”, “The Mongrel”, nel nuovo album se ne incastrano altre dalle influenze più movimentate e punk, come “Don’t Give a Fuck”, “Later Hater”, “Shoot”. C’è spazio anche per melodie più funky, come nel caso di “Leader = Deceiver”, fino al momento più intimo di tutti, consacrato con “Building Ends”, che nonostante la veste malinconica, cela un significato estremamente duro e critico.

Testi e musica ad opera di Killin’ Baudelaire, produzione artistica di Titta Morganti e Francesco Altare. Registrazioni e mix di Francesco Altare presso 33HZ Studio di Trezzo sull’Adda (MI), master ad opera di Riccardo Parenti, presso Elephant-Mastering Studio di Roma.

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login