Killer Be Killed: il video animato di “From A Crowded Wound”

Comunicato stampa:

KILLER BE KILLED, che hanno appena pubblicato il loro acclamato secondo album, “Reluctant Hero”, su Nuclear Blast Records, hanno anche svelato un video animato di ‘From A Crowded Wound’.

Ben Koller dice della canzone:

From a Crowded Wound” emerge come la traccia più efficace dell’album, una forza distruttrice che dall’inizio alla fine avanza impetuosa lasciando dietro di sé una scia di slime tanto lucente quanto acido.” 

Costin Chioreanu, che ha precedentemente lavorato ai video dei Ghost, Napalm Death e Corrosion of Conformity, ha creato questo meraviglioso video clip.

La band ha fatto il conto alla rovescia per l’uscita dell’album con il presentatore di Sirius XM Liquid Metal Jose Mangin, con interviste esclusive e ulteriori anteprime della raccolta di 11 canzoni. La programmazione speciale continua fino a questa domenica. I musicisti hanno anche pubblicato una serie di interviste sull’album, che possono essere viste sul canale YouTube Nuclear Blast.

Reluctant Hero è già stato accolto con ampi consensi. Le riviste Revolver e Kerrang! hanno pubblicato la band su copertine recenti, Loudwire ha detto che la musica è “schiacciante”, Metal Injection ha affermato che le canzoni “ti staccheranno la testa”, Brooklyn Vegan l’ha proclamato “solenne” e Consequence of Sound evidenzia come la band “spacchi.”

KILLER BE KILLED sono il cantante/chitarrista Max Cavalera (Soulfly/ex-Sepultura), il batterista Ben Koller (Converge/Mutoid Man), il cantante/chitarrista Greg Puciato (The Dillinger Escape Plan/The Black Queen) e il cantante/bassista Troy Sanders (Mastodon/Gone is Gone). Le prime voci sul supergruppo metal sono giunte nel 2011, con la band che si è soprannominata KILLER BE KILLED alla fine del 2013 e che poco dopo ha annunciato l’uscita del suo debutto omonimo nel 2014. La band ha fatto il suo debutto dal vivo l’anno successivo come parte del Soundwave Festival australiano. Metal Injection ha giudicato l’album come “caos controllato”, e Loudwire ha detto che la band “ha una propria identità pur suonando abbastanza simile a Soulfly, The Dillinger Escape Plan e Mastodon da attrarre le fan base di ciascuna di queste band”.

Nel novembre del 2020, il gruppo ha pubblicato il suo album successivo, Reluctant Hero, con molto successo. Insignito delle copertine delle riviste Kerrang! e Revolver, i critici di tutto il mondo hanno elogiato l’album di 11 canzoni. La rivista musicale canadese Exclaim ha detto che la raccolta “dimostra che il metal può essere accattivante senza essere stupido”, la statunitense Blabbermouth ha descritto Reluctant Hero come “impressionante… e certamente atipico per ciò che è popolare nella musica heavy di questi tempi”, l’australiano Heavy Magazine ha riassunto le loro lodi per l’album con “è fottutamente incredibile” e Metal Hammer ha dichiarato i KBK il “miglior supergruppo dell’ultimo decennio”.

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login