Kadavar: “Non penso che sia necessario parlare di revival”

Negli ultimi anni, anche e soprattutto grazie alla furba Nuclear Blast, si è assistito a una vera e propria invasione di band dedite a un rock 70’s, chiaramente derivato dai grandi nomi del rock classico e dell’hard rock. Band come Blue Pills, Scorpion Child, Horisont e tanti altri stanno riscuotendo un successo, proponendo un sound chiaramente retrò. Tra le band del filone, i Kadavar sono sicuramente una delle realtà più rilevanti della scena. “ “Berlin”,”, terzo album della band, esce proprio oggi. Noi abbiamo intervistato Tiger, batterista della band, qualche giorno fa. Questa la sua visione sulla scena retro-rock e 70’s rock attuale.

Negli ultimi anni c’è stato un vero e proprio revival di vintage rock, con gruppi che guardano alla lezione del passato come BluePills, Scorpion Child e molti altri. Cosa ne pensi di questa ondata di band? 

Quando siamo usciti con il primo disco non avevamo idea di come una proposta simile sarebbe presto stata seguita anche da tante altre band. Eravamo già in tanti, ma non così tanti!  La cosa ha di certo i suoi lati positivi perchè ci sono dei gruppi molto validi come quelli che hai nominato e dei musicisti davvero talentuosi. Dal mio punto di vista lo sviluppo maggiore c’è stato proprio negli ultimi due anni e sono usciti anche degli ottimi dischi. Mi farebbe piacere se la scena andasse avanti mantenendo un alto livello qualitativo.

Dal tuo punto di vista, perchè la gente apprezza così tanto questo revival? 

Non penso che sia necessario parlare di revival. Non credo che la gente sia tenuta a dover scegliere tra moderno oppure tra qualcosa che suona “old school”, perchè le band di oggi che ripropongono questo sound ne sono ispirate ma non si limitano a copiarlo, quindi penso che si possa assolutamente parlare di una musica moderna.

Kadavar-Band

tommaso.dainese

view all posts

Folgorato in tenera età dall'artwork di "Painkiller", non si è più ripreso. Un caso irrecuperabile. Indeciso se voler rivivere i leopardi anni '80 sul Sunset o se tornare indietro nel tempo ai primi anni '90 norvegesi e andare a bere un Amaro Lucano con Dead e Euronymous. Quali siano i suoi gusti musicali non è ben chiaro a nessuno, neppure a lui. Dirige la truppa di Metallus.it verso l'inevitabile gloria.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login