Header Unit

Judas Priest: diagnosticato il Morbo di Parkinson a Glenn Tipton

Arriva una brutta notizia dai Judas Priest, con un comunicato diffuso da poco sui loro canali social:

GLENN TIPTON/JUDAS PRIEST HA IL PARKINSON:
Dieci anni fa a Glenn Tipton è stato diagnosticato il Morbo di Parkinson a uno stadio precoce – da allora fino ad oggi Glenn ha vissuto la sua vita da quel grande guitarrista metal che è sempre stato, mantenendo uno standard di qualità e performance sempre incredibilmente importanti. Allo stato attuale Glenn riesce a suonare alcuni dei brani dei Priest che richiedono uno sforzo minore, ma a causa della natura progressiva del Parkinson, vuole farvi sapere che non riuscirà ad andare più così tanto in tour. Fedele allo spirito metal del “the show must go on”, Glenn ha chiesto ad Andy Sneap di sostituirlo sul palco.

Voglio far sapere a tutti che è vitale che i Judas Priest vadano ancora in tour e che non sto lasciando la band – semplicemente, il mio ruolo è cambiato. Non voglio perdere la possibil.ità di salire sul palco quando sono in grado di suonare i brani dei Priest! Quindi, ad un certo momento, non molto distante nel futuro, vedrò di nuovo tutti voi, meravigliosi maniaci del metal.

Rob, Richie, Ian e Scott dicono:

Siamo stati privilegiati nel testimoniare la determinazione di Glenn e la sua dedizione senza fine nel corso degli anni, osservando la sua passione e la sua personalità attraverso la scrittura, la registrazione e l’esecuzione nelle session con i Priest – è un vero metal hero! Non siamo sorpresi dall’insistenza di Glenn affinché noi completiamo il tour di “Firepower”, e ringraziamo Andy per essersi unito a noi e per avere realizzato il desiderio di Glenn. Come dice Glenn, anche noi non vediamo l’ora di averlo con noi, sempre e ovunque on the road…
We love you Glenn!

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login