Jill Janus (Huntress): “ho radici pagane e amo l’occulto”

La genesi degli Huntress risiede proprio nell’occulto e nell’interesse che la leader Jill Janus aveva in questo campo. Ce lo ha detto lei stessa, intervistata ai nostri microfoni.

Quando è nata questa passione per l’hard rock e per il metal e cosa significa per te essere oggi parte di questa che è una vera e propria comunità?

Per me è nato tutto dall’immaginario che questa musica trasmette. Il nome Huntress rappresenta la Dea della Caccia, come Diana o Artemis. Io ho radici pagane e amo l’occulto, tutto quello che serve per sentirsi a proprio agio in uno stile musicale come quello proposto dalla nostra band. Essere parte di questa comunità è una cosa davvero bella, anche se io sono una persona molto eccentrica e non tutti riescono a sintonizzarsi sulle mie frequenze. Ma preferisco portarmi dietro la mia unicità e creare la musica che amo, piuttosto che cercare di piacere a tutti e abbracciare la più comoda mediocrità.

marcellafava_2_huntress_004

tommaso.dainese

view all posts

Folgorato in tenera età dall'artwork di "Painkiller", non si è più ripreso. Un caso irrecuperabile. Indeciso se voler rivivere i leopardi anni '80 sul Sunset o se tornare indietro nel tempo ai primi anni '90 norvegesi e andare a bere un Amaro Lucano con Dead e Euronymous. Quali siano i suoi gusti musicali non è ben chiaro a nessuno, neppure a lui. Dirige la truppa di Metallus.it verso l'inevitabile gloria.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login