I 100 Migliori Dischi Hard Rock e Profondo Estremo – I nuovi volumi Tsunami

I 100 MIGLIORI DISCHI HARD ROCK – 1968-1979 – L’epoca d’oro

Gianni della Cioppa

Uscita 29 Giugno – 172 pagine a colori – 17€

Una selezione accurata dei dischi più significativi dell’epoca d’oro dell’hard rock, quando tutto ha preso forma per poi deflagrare in una creatività incontrollata, da cui ancora oggi si continua ad attingere.

A differenza di altri volumi simili, questo si pone l’obiettivo di limitare il raggio d’azione e di concentrarsi quasi esclusivamente sulla scena hard rock, evitando le pur fondamentali divagazioni stilistiche che hanno avuto il merito di dar vita ad apprezzati sotto generi (hard prog, dark rock, hard pomp), ma qui non sono oggetto d’esame. Trovano così spazio straordinari dischi che invece altrove sono rimasti esclusi, spesso riscoperti grazie all’avvento di internet e la cui importanza è stata riconosciuta da numerosi protagonisti del rock e del metal mondiale dagli anni ’80 ad oggi. Dischi capaci di influenzare due e più generazioni di artisti, che non si sono limitati ad attingere dai titani, ma hanno subito il fascino di band creative e originali, che però al tempo erano sottostimate o addirittura sconosciute.

Cento schede per altrettanti dischi che non si limitano a dare visibilità solo ai giganti del genere: infatti accanto a Jimi Hendrix, Led Zeppelin e Deep Purple scopriamo nomi come Bloodrock, Titanic, Buffalo e Stray, per non parlare dei greci Socrates Drunk The Conium e dei giapponesi Blues Creation. Ma sono tanti i dischi
selezionati da ogni angolo del mondo, la cui presenza è motivata con

lucidità, competenza e passione dall’autore, che in quasi trenta anni di giornalismo musicale, si è guadagnato la stima di moltissimi lettori e ilruolo di credibile ambasciatore dell’hard rock e dell’heavy metal.

Pagina dopo pagina, “I 100 Migliori Dischi Hard Rock” si trasforma in un viaggio appassionante in una delle epoche più fertili e coinvolgenti dell’intera storia della musica.

I 100 migliori dischi hard rock


PROFONDO ESTREMO – Storie vere dal death metal underground

Jason Netherton

Tra le emanazioni estreme del panorama hard’n’heavy, il death metal è in assoluto tra le più longeve e persistenti e più di altre ha saputo contare sin dalle proprie origini, alla fine degli anni ’80, su un network di band e appassionati che l’hanno fatta crescere e resa una scena attiva e vitale.

Composto interamente da storie di prima mano, aneddoti e ricordi di numerosi protagonisti, PROFONDO ESTREMO ripercorre gli aspetti fondamentali dell’evoluzione di questa sottocultura, come le prime fanzine e la passione per il tape trading, le performance e la tecnica, le incisioni in studio e la vita in tour, nel tentativo di far risaltare la vitalità e l’unità di spirito e intenti che rendono immortale l’underground.

Frutto di tre anni di ricerche e interviste, PROFONDO ESTREMO è un tentativo riuscito di catturare le esperienze e lo stile di vita dell’underground death metal internazionale, esplorato attraverso le voci di coloro che hanno contribuito a crearlo, e di comprendere meglio come funzionava nelle sue prime incarnazioni, come si è evoluto e quale potrebbe essere il suo futuro.

Leggendo queste storie sono tornato indietro nel tempo a quando scrivevo alle fanzine, a quelli che scambiavano le cassette e ai primi fan con cui condividevo la mia musica. Il lavoro di Jason è fatto con classe e intelligenza. È scritto egregiamente e conquisterà ogni cuore che batte per il death metal”.

– Luc Lemay (Gorguts)

Profondo Estremo

tommaso.dainese

view all posts

Folgorato in tenera età dall'artwork di "Painkiller", non si è più ripreso. Un caso irrecuperabile. Indeciso se voler rivivere i leopardi anni '80 sul Sunset o se tornare indietro nel tempo ai primi anni '90 norvegesi e andare a bere un Amaro Lucano con Dead e Euronymous. Quali siano i suoi gusti musicali non è ben chiaro a nessuno, neppure a lui. Dirige la truppa di Metallus.it verso l'inevitabile gloria.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login