Guns N’ Roses: Adler doveva suonare al Troubadour, ma…

Dopo che è stato annunciato il concerto dei Guns ‘n’ Roses al Troubadour dello scorso 1 aprile, l’ultima riserva a sciogliersi sui musicisti che avrebbero preso parte al concerto è stata quella del nome del batterista. Alcuni indizi facevano pensare a un ritorno di Steven Adler, a cominciare da un grande annuncio previsto per fine marzo e mai apparso da nessuna parte, fino ad arrivare a una foto delle bacchette da batteria della marca usata da Adler. Ora, il giornalista rock statunitense Mick Wall ha pubblicato un commento sul proprio blog in cui spiega che, stando alle sue fonti non meglio specificate, Adler avrebbe dovuto prendere parte al concerto del Troubadour, ma che pochi giorni prima del concerto si sarebbe infortunato alla schiena durante le prove con il resto della band. La notizia non è stata confermata e forse non sarà confermata nemmeno in futuro, ma è comunque un aspetto interessante della vicenda, che non chiuderebbe del tutto le porte a un ritorno dello storico batterista nella formazione.
Ecco quanto ha scritto Mick Wall a riguardo:

So che alcuni di voi erano là [al Troubadour, ndr]. E mi hanno detto che è stato tutto vero, che era tutto reale. Che anche Steven avrebbe dovuto essere là, ma che si era fatto male alla schiena durante le prove. Mi hanno anche detto altre cose, e mi sento un vero cretino a tenerle per me, ma non sono mai stato coinvolto in questo tipo di spoilers. Perchè rovinare il divertimento? Questo è l’anno in cui è finalmente tornato il divertimento. Anche se è triste sapere che Adler si è fatto male durante le prove e che forse dovrà sottoporsi a un intervento chirurgico per rimettersi in sesto il prima possibile, la buona notizia è che anche lui prenderà parte alla reunion dei Guns N’ Roses, anche se più tardi.

guns n roses

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login