Genus Ordinis Dei: la prima opera metal a episodi

Comunicato stampa:

Dopo meno di un anno dall’uscita di “Nemesis”, singolo pubblicato in collaborazione con l’artista americana Melissa VanFleet, i Genus Ordinis Dei sono pronti a tornare con un innovativo format: un concept-album, suddiviso in capitoli, che andranno a formare la prima opera di metal sinfonico mai pubblicata.

“Glare Of Deliverance” raccoglie dieci tracce che compongono l’omonimo album, in uscita il 4 Dicembre 2020, per le quali sono previsti dieci videoclip e dieci illustrazioni che racconteranno a episodi la storia Eleanor, una giovane donna catturata e torturata dall’Inquisizione. Per completare un misterioso rituale, la protagonista intraprenderà il cammino della liberazione lottando contro i suoi aguzzini.
Alla regia di tutti e dieci i video che verranno presentati troviamo Steve Saints, con cui la band collabora da anni.

In un’ottica di supervisione a 360 gradi del progetto, per la registrazione, è stato scelto il Sonitus Studio di Tommaso Monticelli, chitarrista del gruppo e produttore dell’album.

È a questo punto che i Genus Ordinis Dei chiedono l’aiuto dei loro fans tramite una raccolta fondi su Indiegogo. La campagna è attiva da oggi a questo link: https://www.indiegogo.com/projects/glare-of-deliverance?utm_source=Alternative+Italy+List&utm_campaign=aa6d798ae1-EMAIL_CAMPAIGN_2020_04_20_07_53&utm_medium=email&utm_term=0_4b332cd618-aa6d798ae1-99465811#/

Per saperne di più, eccovi il trailer nel quale la band vi spiega nel dettaglio questo progetto epico.

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login