Gary Holt: “Continuerò il mio doppio dovere con gli Slayer e con gli Exodus”

Si è parlato diverse volte negli ultimi anni del ruolo di Gary Holt, che oltre a militare negli Exodus è stata assoldato dagli Slayer in sostituzione del compianto Jeff Hanneman. Con grande generosità Holt ha espresso, nel corso di una recente intervista, la sua volontà a continuare a lavorare con entrambe le band:

D: Per quanto tempo hai intenzione di continuare a compiere il tuo duplice dovere con gli Slayer e gli Exodus?
R: Fino a quando ce la farò. Fino a quando il mio corpo reggerà. Il problema più grosso sarà quando ci sarà un doppio tour. In questo caso vorrà dire suonare per due set. Adesso ho anche dei prlblemi alla schiena…ma ci sono tanti problemi ben peggiori di questo. Io e Jeff Hanneman eravamo amici di vecchia data, ci conoscevamo da quando il thrash era ai suoi esordi…la mia sostituzione sarebbe dovuta durare solo un paio di mesi in un primo tempo. Sfortunatamente, è continuata anche dopo la sua tragica morte. Cerco di mantenere vivo il suo spirito e dare alla band anche una parte di me. E’ in questo modo che gli rendo omaggio. Quando Jeff mi ha dato la sua benedizione, è stato epico, solo per il fatto che lui mi stava appoggiando. Da allora sono passati cinque anni. Nessuno ci avrebbe creduto. Tutti noi volevamo solo che lui stesse meglio.

garyholtsolo

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login