Five Finger Death Punch: Ivan Moody rettifica, non lascerà la band

Il 2017 non sembra essere un anno facile per Ivan Moody, vocalist dei Five Finger Death Punch; tra crolli nervosi e rehab, il musicista non smette di far preoccupare i suoi fan e grande scalpore ha avuto una dichiarazione rilasciata lo scorso 20 Aprile in occasione di un’intervista alla radio 106.7 KBPI.
Durante il programma radiofonico, Moody aveva lasciato intendere che avrebbe a breve lasciato i Five Finger Death Punch, scatenando il panico tra il pubblico della band.

Ecco le parole del frontman e vocalist:

“Ad essere del tutto onesto, i FFDP ed io siamo arrivati ad un bivio: siamo molto orgogliosi di ciò che abbiamo fatto e del lavoro di tutti questi anni, ma è giunta l’ora che ognuno prenda la propria strada e faccia qualcos’altro. Quindi al termine di quest’anno mi dedicherò alla mia nuova band Villain e sono davvero molto emozionato. La band è composta da me, Brian Steele Medina dei Gemini Syndrome alla batteria, Stitch al basso e Meegs dei COAL CHAMBER alla chitarra. Sarà davvero divertente.”

Come ci si può immaginare, le parole di Ivan Moody sono rimbalzate da sito in sito e, in seguito alla scalpore suscitato dalla dichiarazione, il musicista ha voluto precisare con un lungo comunicato che non ha alcuna intenzione di lasciare i Five Finger Death Punch e che anzi i fan potranno aspettarsi a breve un nuovo album della band:

Non è un segreto che quest’anno sia stato molto duro per me e per i miei compagni nei FIVE FINGER DEATH PUNCH. Quando metti tutto te stesso nel creare nuova musica sia sul palco che in studio, diventa frustrante non poter portare alla luce il frutto del tuo lavoro. So che questa stessa frustrazione è avvertita anche dai nostri fan, che si aspettano qualcosa di nuovo da parte nostra e che significano tutto per noi.
E’ vero che i FFDP sono arrivati ad un bivio – da qui in poi abbiamo deciso che non permetteremo più a nessuno di impedirci di pubblicare nuova musica per i nostri fan.
L’azione legale di Prospect Park che ha preso in ostaggio il nostro nuovo disco ha avuto delle conseguenze su di me. Ero in riabilitazione quando Prospect Park ha deciso di intentare causa alla band l’anno scorso e per me è stato davvero difficile gestire tutto quanto.
Ieri ho fatto una dichiarazione che i media hanno considerato al di fuori del suo contesto, nel tentativo di creare titoli sensazionali che attirassero l’attenzione della gente. La verità è che io vorrei cominciare un side project paragonabile agli STONE SOUR di Corey Taylor o gli A PERFECT CIRCLE di Maynard e vorrei dare il via al progetto quando i FFDP avranno risolto i loro problemi legali con Prospect Park.
Ciò non vuol dire che io stia pensando di lasciare i Five Finger Death Punch!
La cosa positiva dell’essere un musicista oggi è proprio la possibilità di esplorare la propria creatività in molti modi senza mettere in discussione il proprio obiettivo principale. Credo che i fan di Corey o Maynard siano felici di vederli creare altra musica con progetti diversi. Spero che lo sia anche il mio pubblico.
Detto ciò, i fan dei FIVE FINGER DEATH PUNCH possono aspettarsi un nostro nuovo album per Prospect Park e non vediamo l’ora di andare in tour per tutto il 2017.
Tutti noi abbiamo lavorato duramente negli ultimi 10 anni per costruire questa band e nessuno di noi ha intenzione di lasciarla perdere solo perchè la nostra casa discografica sta cercando di sabotarci. Mi dispiace che i media abbiano considerato la mia affermazione come una prova di dimissioni dai FFDP, ma posso assicurarvi che non era questa la mia intenzione.”

Ilaria Marra

view all posts

Braccia rubate alla coltivazione di olivi nel Salento, si è trasferita nella terra delle nebbie pavesi per dedicarsi al project management. Quando non istruisce gli ignari colleghi sulle gioie del metal e dei concerti, ama viaggiare, girare per i pub, leggere roba sui vichinghi e fare lunghe chiacchierate con la sua gatta Shin.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login