Esclusiva – Arcana 13: il video della cover di “Suspiria”

Terza esclusiva su Metallus.it per gli Arcana 13. “Danza Macabra” il debutto della super band italiana si preannuncia come uno dei dischi più interessanti del 2016. In un progetto totalmente ispirato alla filmografia horror, non poteva mancare una cover dei Goblin. La band ha scelto “Suspiria“, tema dell’omonimo film di Dario Argento del 1977. Vi presentiamo oggi in esclusiva italiana il video del brano:

Il commento di Andrea Burdisso, voce e chitarra della band:

“Dire Horror Italiano è dire Dario Argento, quindi Suspiria. Tutto qui, il resto è storia, non c’è molto da aggiungere. Quando intraprendemmo il nostro viaggio malato nell’Horror Italiano, la primissima melodia sulla quale improvvisammo in sala prove fu l’immortale tema di questo film ancora oggi insuperato. Davanti a questo psichedelico capolavoro di colori non potevamo semplicemente tentare di riprodurre l’opera d’arte dei Goblin, ci sentivamo in dovere di tributarlo con rispetto, trasformandolo nel nostro sound. Per chiudere il cerchio abbiamo arricchito il brano con un muro di synth, grazie all’inestimabile aiuto del quinto membro segreto degli Arcana 13, il nostro fratello Steve. Quando non è impegnato con la sua feroce band deathpunk Hierophant, diventa il mago dei nostri inquietanti e puramente analogici synth e tastiere.
“Questo respiro, non puoi dimenticarlo…”

Sempre online il video di “Dread Ritual“, l’audio di “Arcane XIII” e la recensione di “Danza Macabra“.

Vi ricordiamo anche l’appuntamento con il release party dell’album a marzo a Ravenna.

Arcana 13

tommaso.dainese

view all posts

Folgorato in tenera età dall'artwork di "Painkiller", non si è più ripreso. Un caso irrecuperabile. Indeciso se voler rivivere i leopardi anni '80 sul Sunset o se tornare indietro nel tempo ai primi anni '90 norvegesi e andare a bere un Amaro Lucano con Dead e Euronymous. Quali siano i suoi gusti musicali non è ben chiaro a nessuno, neppure a lui. Dirige la truppa di Metallus.it verso l'inevitabile gloria.

2 Comments Unisciti alla conversazione →


  1. Marco

    wow, dire che sia meglio dell’originale sarebbe una bestemmia, ma di sicuro è la rivisitazione di un brano dei Goblin piu’ figa che abbia mai sentito.

    Reply
  2. Nenad

    Se gli altri brani del disco sono al livello di questi, mi sa che ho trovato la mia band ideale

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login