Header Unit

Enslaved: il video del singolo “Storm Son”

Comunicato stampa:

Gli avanguardisti norvegesi ENSLAVED pubblicheranno il loro nuovo epico album in studio “E” il 13 ottobre 2017. Il quattordicesimo disco della loro carriera segna l’inizio di un nuovo capitolo della loro storia. Oggi la band svela il video del primo singolo: nei suoi dieci minuti di durata, “Storm Son” mescola mesmerizzante prog con del frastornante metal estremo e un’atmosfera folk. Il video è stato realizzato da Josh Graham, conosciuto per avere collaborato, tra gli altri, con SOUNDGARDEN e NEUROSIS.

Spiega il compositore e chitarrista Ivar:

“Storm Son” parla del dualismo uomo-natura e di quanto sia importante questa relazione. Tutto ciò che facciamo e creiamo è un’imitazione della natura. Noi ci siamo evoluti da essa, anche se l’uomo moderno pensa di essere indipendente dalla natura, di esserle così superiore da non doverla prendere in considerazione, come se fosse uno scenario di un film di merda, o di un festival. Perdere il contatto con la natura significa perdere il contatto con l’essere umano.

Questa la tracklist dell’album:
01. Storm Son (10:54)
02. The River’s Mouth (5:12)
03. Sacred Horse (8:12)
04. Axis Of The Worlds (7:49)
05. Feathers Of Eolh (8:06)
06. Hiindsiight (9:32)
Bonus tracks (digipak):
07. Djupet (7:39)
08. What Else Is There? (Röyksopp cover) (4:44)

Gli ENSLAVED saranno in Italia il 30 novembre al Circolo Colony di Brescia.

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login