Dream Theater: la copertina del nuovo singolo è quasi identica a quella di una band metal italiana

L’artwork di copertina del nuovo singolo dei Dream Theater, “Untethered Angel”, è stata pubblicata poche ore fa e già molti sono i commenti dei fan a riguardo. I veronesi Twintera però sono stati omaggiati di un riconoscimento particolarissimo. La copertina del loro primo EP, “Demotion“, uscito nel 2009, è quasi identica, a parte alcuni dettagli di arredamento e l’aggiunta della ragazzina seduta sul letto, a quella del nuovo singolo dei Dream Theater. Si tratta evidentemente del riutilizzo di un template già esistente, ma comunque la coincidenza è abbastanza clamorosa, considerando tra l’altro che i Twintera stessi hanno sonorità che richiamano quelle del proge metal. I Twintera comunque l’hanno presa bene e hanno pubblicato questa dichiarazione sulla loro pagina Facebook:

9 years later we are delighted to announce that our first EP “Demotion” is still on top of the charts…Wait! Who put a radiator? Who changed the bed sheets?
Is there a better way for Dream Theater to announce their summer gig in Verona, our home town, at Rock The Castle 2019 than tidying up our old room?
And yes, we’re available on July 5th to jam on stage with you guys.

Your best fans,
Twintera

———————————————–

È ora delle pulizie di stagione! Abbiamo ripulito la stanza perché dal 2009 nessuno ci è più entrato e oggi abbiamo degli ospiti eccezionali: John Petrucci, James LaBrie, Mike Mangini, Jordan Rudess e John Myung. Benvenuti nella nostra copertina Dream Theater.

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login