Dream Child: il video ufficiale di “Midnight Song”

I Dream Child, supergruppo che vede la presenza di del chitarrista/songwriter Craig Goldy (già al lavoro con Dio, Giuffria, Rough Cutt), il bassista Rudy Sarzo (Quiet Riot, Ozzy Osbourne, Whitesnake), il batterista Simon Wright (AC/DC, Dio), il chitarrista/tastierista Wayne Findlay (MSG) e il cantante Diego Valdez (Helker), hanno pubblicato ieri, 14 settembre 2018, il loro disco d’esordio Until Death Do We Meet Again” (la recensione) tramite Frontiers Music Srl.

Online è disponibile il video ufficiale del brano “Midnight Song“. La clip è stata diretta da Jamie Brown, che ha già lavorato con DOKKEN, LYNCH MOB e KXM.

Goldy, a proposito del brano, ha dichiarato:

Quando io e Chas West abbiamo scritto ‘Midnight Song’ io avevo curato la musica e lui le linee melodiche, ma ci una story line e un titolo da cui partire per iniziare a scrivere il testo. Così Chas mi ha ricordato un modo di dire che noi definiamo ‘midnight song’, ovvero qualcosa che ti da fastidio e che non ti permette di dormire. Ho pensato che si trattava di un buon presupposto da cui partire per iniziare a scrivere dentro le linee melodiche. Credo che sia venuta fuori abbastanza bene con un piglio alla WHITESNAKE / RAINBOW / DEEP PURPLE e un feeling tosto. Mi è sempre piaciuto questa combinazione di elementi in una canzone.

Riguardo alla nascita dei Dream Child, Goldy ha aggiunto:

La nascita della band è stata concepita durante una sessione di brainstorming tra me e Serafino (presidente della Frontiers), mentre ci eravamo incontrati un giorno per parlare di tutt’altro. Di recente avevo ascoltato i Deep Purple e Rainbow’s Rising ed altre band che suonano su quello stile. Ho notato che tutti quelli che amano questo tipo di sonorità solitamente commentato dicendo cose del tipo: ormai non ci sono più album su questo stile, non come i grandi classici. Serafino ha ascoltato un mio commento simile e mi ha fatto una domanda che avrebbe modellato e cambiato per sempre il mio futuro: ‘Beh, tu ci riusciresti’?, e io ‘Certo!’. Durante la celebrazione commemorativa per il nostro amato Ronnie James Dio, ho accennato al fatto che se avessi avuto intenzione di scrivere nuovo materiale musicale avrei fatto appello a tutto ciò che ho imparato lavorando per tanti anni a fianco del Maestro, creando qualcosa che l’avrebbe reso fiero. Il nome della band si ispira ad un suo testo dall’album ‘Dream Evil’ e dal nomignolo che mi aveva affibbiato all’epoca, Dream Child! Siamo molto fortunati ad avere Rudy Sarzo al basso, Simon Wright alla batteria, Wayne Findlay alla chitarra e tastiere e Diego Valdez, una bella sorpresa, la cui voce vi farà venire i brividi. Questo album riporta indietro verso periodi e momenti storici che molti credevano ormai andati per sempre, ma al tempo stesso con qualcosa di nuovo che lo rende unico. Niente di vecchio, niente filler. Ogni canzone è un oasi nel deserto, una gemma rara nelle miniere di carbone della vita, in un mondo che crede che la grandezza del rock debba rimanere confinata solo nel passato. Noi l’abbiamo riportata di nuovo alla luce! Sono molto orgoglioso di questo lavoro e di tutti coloro che hanno fatto si che questo sogno si a diventato realtà. Ci sono grande nomi che hanno dato una mano nella scrittura e sono veramente colpito dal lavoro di produzione svolto da Alessandro Del Vecchio, il quale ha donato un sound fresco e aggressivo alle canzoni!

Di seguito la tracklist e l’artwork:

01. Under The Wire
02. You Can’t Take Me Down
03. Game Of Shadows
04. It Is What It Is
05. Playin’ With Fire
06. Light Of The Dark
07. Midnight Song
08. Until Death Do We Meet Again
09. Washed Upon The Shore
10. In A World So Cold
11. Weird World
12. One Step Beyond The Grave

Dream Child Until Death Do We Meet Again Cover Album 2018

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login