Dokken: già ricominciati i battibecchi tra Don Dokken e George Lynch

I Dokken non hanno ancora iniziato il tour di reunion con la storica formazione degli anni ’80 che già iniziano i problemi e i battibecchi fra i due galli nel pollaio, Don Dokken e George Lynch. A dirlo è il batterista della formazione, Mick Brown, che nel corso di un’intervista ha parlato delle tensioni che ancora permangono tra cantante e chitarrista della band.

Non è cambiato niente. So che Don e George, nelle loro conversazioni, hanno già cominciato a battibeccare. Io e Jeff [Pilson, bassista della band ndr] invece…Jeff sembra contento. Detesto dirlo…mi piacerebbe dire che ci siamo riuniti per motivi artistici e mi piacerebbe molto essere contento e dire: oh, la band è tornata insieme. Ma non mi sento così. e Voglio essere onesto, è solo una questione di soldi, e i soldi piacciono troppo. Sono stufo di questi litigi. Ma se metti Don George assieme, tornerà tutto come prima, e tutto tornerà ad essere confuso. Penso che anche che sia molto triste vedere degli adulti che si comportano in questo modo. E sono stufo di essere in mezzo, ma eccoci qua. Starò zitto per via dei soldi, e farà tutto come abbiamo sempre fatto. Jeff e io ci saremo e andremo con loro…come abbiamo sempre fatto.

Ricordiamo che i Dokken hanno in programma sei concerti, cinque in Giappone e uno negli Stati Uniti, tra settembre e ottobre.

Dokken001

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login