Distorted Visions: il video ufficiale di “Harakiri”

Comunicato stampa:

Questo è il video del secondo singolo estratto da “Born Dead”, primo LP della band, che verrà rilasciato in tutto il mondo il 5 marzo 2020. L’album è stato prodotto da Marco Coti Zelati dei Lacuna Coil registrato, mixato e masterizzato da Marcello Iannuario presso lo IannuProduction Studio.

Il video è stato diretto da Davide Papadia e lo script su cui si basa è stato interamente concepito dalla band stessa. Il gruppo ha scelto di non risparmiarsi nell’utilizzo di immagini di masochismo, disagio e violenza. Il suicidio è probabilmente il tema più importante e profondo trattato in Born Dead e Harakiri è l’esempio più lampante.
All’inizio del video è inserita una frase che culmina nelle parole “YOU ARE NOT ALONE”: attraverso di esse il gruppo vuole sottolineare il fatto che se ne senti il bisogno, puoi e devi chiedere aiuto senza paura.

La band dichiara:

Avendo sperimentato in prima persona ciò che descriviamo nel testo, e sapendo di molti giovani come noi che hanno ancora paura ad esprimere i propri sentimenti, vogliamo ricordare che non solo siamo come loro, ma siamo con loro, dando sempre il nostro supporto.

Harakiri  è disponibile sulle maggiori piattaforme digitali di streaming/download mondiali, tra cui SpotifyiTunesGoogle PlayApple Music, PandoraiHeartRadioDeezer e Amazon Music.

Rimanete sintonizzati: altre novità in arrivo!

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login