Destruction: dentro il nuovo chitarrista Damir Eskic

I Destruction, dopo aver ingaggiato il nuovo batterista Randy Black, completano la lineup aggiugendo un nuovo chitarrista. Damir Eskic, chitarrista svizzero, è stato un allievo di Tommy Vetterli (CORONER) è ha già collaborato con la band thrash metal tedesca suonando tre assoli nell’album “Under Attack”.

Schmier, frontman della band, ha commentato:

Si! Finalmente ce l’abbiamo fatta! Da tanti anni parlavamo del fatto che avevamo bisogno di una persona giusta per completare la formazione. Damir Eskic è la persona giusta! E’ un chitarrista  super abile e anche un buon amico della band. Vi lascerà sicuramente a bocca aperta e renderà omaggio alla storia dei Destruction, dato che è un grande fan della nostra musica! Essere un trio è qualcosa di speciale che abbiamo portato avanti con orgoglio per molti anni, ma abbiamo avuto anche un periodo di tempo in cui abbiamo inserito un secondo chitarrista. Ora è giunto il momento giusto per ricorrere nuovamente a questa opzione! Sappiamo che molti nostri fan aspettavano questo cambiamento da tanti anni. Abbiamo compostoe registrato il nuovo album con due chitarristi e questo ci consentirà di essere molto più potenti dal vivo oltre che poter suonare brani che non eseguivamo da anni… Insieme a Randy Black alla batteria e Damir Eskic alla chitarra, abbiamo forze fresche che nella band, qualcosa che a volte è necessaria per raggiungere nuovi obiettivi. Tutto ciò farà si che la thrash machine sia forte e in grado di affrontare nuove avventure. Ci vediamo tutti on the road! Il nuovo album uscirà l’8 agosto tramite Nuclear Blast!

Eskic ha aggiunto:

Sono, ovviamente, felicissimo di far parte di questa famiglia thrash, una della migliori band del genere. Registrare alcuni assoli sull’album ‘Under Attack’ è stato un bell’affare per me; ora, dopo alcuni anni, siamo diventati buoni amici e sono molto emozionato nell’aver avuto questa opportunità. Non vedo l’ora di incontrare i fan sparsi per il globo e fare thrash con i ragazzi!

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login