Cradle Of Filth: a luglio l’album “The Original Sin”, tutti i dettagli

I fan dei Cradle Of Filth sanno bene che il 1996 è ricordato come l’anno dell’uscita di “Dusk.. And Her Embrace“. Quello che non molti sanno è che l’album pubblicato non è la versione originale, e che questa rimase inedita a causa di problemi legali e di uno split all’interno del gruppo. A distanza di tempo però, il full length si può ora pubblicare, ed uscirò sul mercato discografico l’8 luglio con il suo nome originale, “The Original Sin“.

Un breve trailer:

Track Listing:
1) Macabre, This Banquet
2) Nocturnal Supremacy
3) Heaven Torn Asunder
4) Dusk And Her Embrace
5) A Gothic Romance
6) The Graveyard By Moonlight
7) Funeral In Carpathia
8) Beauty Slept In Sodom
9) The Haunted Shores Of Avalon
10) Carmilla’s Masque
11) A Gothic Romance (Bonus Demo Track)
12) Nocturnal Supremacy (Bonus Demo Track)

DUSK AND HER EMBRACE... COVER

Ecco il comunicato, apparso sulla pagina Facebook, con cui i Cradle Of Filth annunciano l’uscita:

YOU CAN’T STOP THE ROCK!!!
I Cradle Of Filth inizieranno a scrivere il materiale per il loro nuovo album (che dovrebbe essere pubblicato nell’autunno 2017) nei prossimi mesi, e la band è interessata da quello che i fan si aspettano per quanto riguarda la musica e il sound. Ovviamente stiamo ignorando le persone negative che vogliono che tutto abbia lo stesso sound che avevano i Cradle nel 1996 – la versione inedita di “Dusk.. And Her Embrace”, sottotitolata “The Original Sin” (1995) sarà pubblicata in luglio tramite Cacophonous Records, ma tutto sarà fatto tenendo a mente che la gente capisca che la band sono i Cradle Of Filth del 2016, una band che sta espandendo la propria importanza anche in base al successo di “Hammer Of The Witches”, pubblicato lo scorso anno.

c27-Cradle of Filth-7 Novembre 2015-Milano-Fabrique-Matteo Donzelli

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login