Coronavirus: Live Nation e altri promoter sospendono i tour

Lo scorso 11 Marzo, la diffusione del Coronavirus, che sta mettendo a dura prova il nostro paese in questi giorni, è stata ufficialmente dichiarata una pandemia dall’OMS.

Oggi, Live Nation e molti altri organizzatori di eventi, AEGCreative Artists Agency (CAA), William Morris Endeavor (WME), Paradigm e United Talent Agency (UTA), hanno pubblicato una dichiarazione condivisa in cui affermano di essere al lavoro su delle buone pratiche per la sicurezza di artisti, personale coinvolto e, in generale, di tutto il music business.

A questo scopo, i tour a livello globale sono stati sospesi, per consentire a tutte le parti coinvolte di fare ritorno a casa, vista l’emergenza sanitaria in atto.

Di seguito quanto dichiarato dai promoter:

“I maggiori esponenti mondiali dell’intrattenimento si sono uniti per formare una task force globale e per condurre una strategia unificata a scopo precauzionale, nell’interesse di artisti, fan, staff e della comunità mondiale. In questo momento, raccomandiamo che tutti gli eventi su larga scala previsti fino alla fine di Marzo, siano posticipati.

Continuiamo a supportare gli eventi su scala ridotta, nel rispetto delle linee guida dei governi locali. Ci sentiamo fortunati ad avere la flessibilità necessaria per rischedulare concerti, festival ed eventi dal vivo, per guardare avanti e assicurare che presto i fan possano ricongiungersi ai loro artisti preferiti.”


Ilaria Marra

view all posts

Braccia rubate alla coltivazione di olivi nel Salento, si è trasferita nella terra delle nebbie pavesi per dedicarsi al project management. Quando non istruisce gli ignari colleghi sulle gioie del metal e dei concerti, ama viaggiare, girare per i pub, leggere roba sui vichinghi e fare lunghe chiacchierate con la sua gatta Shin.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login