Church Of Misery: tre date live in Italia a giugno

Comunicato stampa:

I Church Of Misery hanno annunciato tre date in Italia:

27.06.2018 – Bologna, Freakout Club – Evento Facebook

28.06.2018 – Milano, Santeria Social Club, con Eyehategod nel contesto del SoloMacello Fest – Evento Facebook

29.06.2018 tba

30.06.2018 – Trieste, Kulturni Dom Prosek Kontovel, con Messa e Tytus – Evento Facebook

Black Sabbath, psichedelia, blues, heavy rock anni Settanta e serial killer: queste le basi quando si parla di Church Of Misery, band giapponese in giro dal 1995 che per unico punto fermo ha il bassista e fondatore Tatsu Mikami (hanno fatto parte della formazione anche Tom Sutton di Firebird/Horisont/Night Viper, Scott Carlson dei Repulsion, Eric Little degli Earhtride e Dave Szulkin dei Blood Farmers). Trovano in un suono sporco e allo stesso tempo ricercato, le basi per narrare storie macabre e rivoltanti, non tralasciandone i risvolti psicologici. Il loro doom psichedelico e ricco di groove è stratificato e assume sfumature differenti di album in album, mantenendo inalterata la materia di base.

Stanno su Rise Above e sono passati per Southern Lord e Bad Acid, sul loro curriculum alla voce “split” c’è scritto Sourvein, Iron Monkey e Acrimony, e hanno pure dato alle stampe un “Live At Roadburn 2009”: non bastassero queste credenziali, ascoltatevi “Master Of Brutality” e “Houses Of The Unholy” e capirete di essere di fronte a una delle band doom più importanti degli ultimi anni.

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login