Header Unit

Cannibal Corpse: Alex Webster dà il nome a un verme preistorico di recente scoperta

Per una volta siamo a dare una notizia che ha una connotazione scientifica. Tre ricercatori di paleontologia, lo svedese Mats Eriksson,il britannico David Rudkin e il britannico Luke Parry, hanno recentemente scoperto una nuova specie di verme preistorico gigante, appartenente alla specie delle Eunice aphroditois. Questi vermi potevano misurare probabilmente circa un metro di lunghezza ed erano caratterizzati da grosse mandibole, con le quali afferravano i pesci di cui si nutrivano. Questi tratti sono una particolarità finora mai individuata prima nei vermi preistorici, in particolare per quanto riguarda le dimensioni ragguardevoli del verme. Fin qui tutto normale; la particolarità è che la nuova specie scoperta è stata chiamata dai tre ricercatori Websteroprion armstrongi. Il primo dei due nomi è stato scelto dai tre ricercatori, evidentemente appassionati di metal estremo, in onore di Alex Webster, bassista dei Cannibal Corpse. Il secondo nome invece omaggia Derek Armstrong, un altro ricercatore autore di numerose scoperte di rilievo negli anni ’90. Mentre non conosciamo la reazione di Webster alla notizia, ci divertiamo però ad immaginare questi ricercatori che discutono sui fossili del Devoniano con in sottofondo “Hammer Smashed Face” o “Butchered At Birth“.

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login