Alt-Fest: festival annullato per mancanza di fondi

“Abbiamo sbagliato i calcoli, siamo fuori del 97% del budget”. Si scusa così l’organizzazione dell’Alt-Fest, per aver annullato l’evento.
L’Alt-Fest è stato ideato da due ragazzi inglesi e avrebbe dovuto ospitare gli stessi headliner degli altri festival, ma a differenza degli altri festival, l’Alt-Fest prometteva un villaggio steampunk di contorno, un circo, mostre d’arte, un bosco magico, un’aerea bambini, birre a 3 sterline, 6 palchi, karaoke, 180 band, flash mob zombie, un bar “dei vampiri” e molto altro.
Gli headliner sarebbero dovuti essere Marilyn Manson, Fields Of The Nephilim, Gary Numan, la reunion degli Amen, The Cult, Killing Joke, Cradle Of Filth e Paradise Lost.

Il festival in questione è stato ideato per andare contro il sistema, infatti parte del festival è stato pagato tramite crowdfunding, chi avesse voluto pagare più del costo del biglietto, avrebbe ottenuto bonus esclusivi, come meet and greet, pass e backstage. In poco tempo è stata raggiunta la cifra di 67.000 sterline, che non sembrano male, se non fosse che al massimo bastano per pagare i Paradise Lost. Dopo la pubblicità del festival “migliore del mondo”, che si sarebbe dovuto svolgere dal 15 al 17 Agosto in Inghilterra, l’1 agosto l’organizzazione ha annunciato su Facebook che l’evento è stato annullato: si ammette che i “consulenti finanziari” hanno dato indicazioni sbagliate sui costi di organizzazione di un festival, si comunica che molte band vogliono metà del pagamento in anticipo e il totale da raggiungere sarebbe dovuto essere 1.703.000 sterline (un milione e seicentomila più di quelli raccolti via crowdfunding) e si da la colpa a chi non ha comprato i biglietti, li si accusa di non supportare la scena, si dice che sono stati venduti solo 7.500 biglietti e si ammette che fino alla settimana scorsa si stava mentendo, pubblicizzando il fatto che fossero disponibili solo 900 biglietti prima del sold out (che era stabilito mesi prima in 25.000 paganti), infine si dice che i due organizzatori stanno già compilando le note burocratiche per dichiarare il fallimento della società, società fondata apposta per creare il festival, il cui capitale, secondo i registri delle imprese, sarebbe di 2 sterline (quindi il fallimento porterebbe in bancarotta 2 sterline), si dice che i biglietti saranno rimborsati, ma bisogna aprire dispute con Paypal e i gestori delle carte di credito, mentre i crowdfunder probabilmente non rivedranno mai più i loro soldi..saranno felici tutti coloro che avevano comprato i biglietti e sarà ancora più felice chi aveva acquistato biglietti di aereo, treno o nave per raggiungere la location!

altfest

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login