AC/DC: Phil Rudd perde il processo d’appello

Era un po’ di tempo che non avevamo notizie fresche su Phil Rudd e i suoi guai giudiziari. Il batterista non ha, almeno per il momento, commesso altri crimini o bravate di alcun genere, per cui non sono aumentate le incriminazioni a suo carico; i siti di notizie neozelandesi riportano però la notizia secondo cui Rudd avrebbe perso il ricorso in appello contro l’ultima accusa arrivata in ordine di tempo. Si trattava della condanna a otto mesi di arresti domiciliari per possesso di sostanze stupefacenti, e minacce di omicidio, una condanna arrivata a fine luglio. Le motivazioni per la sentenza risiederebbero nella preoccupazione delle autorità sul comportamento di Rudd. C’è da dire che negli ultimi mesi il musicista parrebbe avere messo la testa a posto: Phil Rudd sta infatti vedendo costantemente uno psichiatra specializzato in dipendenze da metanfetamine, che pare lo stia aiutando molto, è in un programma di riabilitazione per l’alcolismo e si è riconciliato con la persona che aveva minacciato di morte nei mesi scorsi, accordandosi anche per un risarcimento in denaro. Sperioamo che Rudd prosegua su questa buona strada!

Phil Rudd

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login