Toxic Rose: Live Report e foto della data di Bresso (MI)

Con l’estate alle porte e con un calendario fitto di concerti con grandissimi nomi per i prossimi mesi non si può però mancare di partecipare anche ad eventi più piccoli, ma sempre molto validi in cui si ha sia l’occasione di supportare la scena italiana che di vedere act di rinomata importanza come i Toxic Rose, giovane formazione svedese che sta riscuotendo ampi consensi un po’ ovunque.

Ad aprire l’infuocata serata ci pensano i Raging Dead, band che pian piano si sta costruendo una solida fan base grazie alla costante attività live e che abbiamo avuto occasione di vedere anche durate l’unica data italiana dei Sister a Vercelli lo scorso dicembre. Il gruppo fautore di un interessante horror punk metal non si risparmia sul palco e propone degli estratti dal loro album di recente pubblicazione “When The Night Falls” alternati da altri presenti sul loro mini di debutto come l’oscura “Nightstalker” che in sede live ha una grande presa. Il tempo a loro disposizione e poco ma riescono nel compito di scaldare i presenti.

 

 

 

Dopo di loro è la volta dei Junkie Dildoz, formazione che abbiamo visto nella scorsa edizione del Pistoia Blues prima di nomi illustri come gli Hardcore Superstar e i Whitesnake. La band ha davvero un sound bello potente e compatto dove emergono le radici ben piantate nella musica robusta di fine anni ottanta, ma con un occhio di riguardo anche per la scena scandinava più recente. I ragazzi sono belli carichi e coesi sul palco e i pezzi funzionano catturando l’interesse degli astanti, in particolar modo spicca l’ironica “I Don’t Like Star Wars”  e la granitica “Bastard” dal taglio più metal. Sicuramente una band pronta al grande salto di qualità.

 

 

 

Poi è la volta dei tanto attesi headliner che dopo il breve intro fanno la loro comparsa sul palco e danno fuoco alle micce. Un set breve il loro, solo nove pezzi in scaletta, ma coinvolgente e tirato tutto d’un fiato dove non si risparmiano  o si fermano un minuto. Non c’è moltissima interazione con il pubblico, ma parla la musica, prevalentemente quella del loro album di debutto “Total Tranquillity” da dove vengono estratti i primi due pezzi “Reckless Society” e “Killing The Romance”, uno dei pezzi più validi dell’album dove aggressività e melodia si sposano alla perfezione. Molto riuscita anche in sede live la sleazy “World Of Confusion” cantata un po’ da tutti i presenti e anche un bel tuffo nel passato con “Set Me Free” e “A Song From The Weak”  estratte dal loro mini album omonimo del 2013. C’è anche spazio per della sana goliardia e un momento un po’ splatter dove Andy TXR (il cantante) si diverte a bere sangue da un teschio e sputarlo per l’occasione sulle prime file che divertite non battono ciglio. Sicuramente una band che sa intrattenere e divertire e a questo a noi basta.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login