Satyricon – Chthonic: Live Report delle date italiane

Metallus.it vi porta alla scoperta delle due date italiane dei Satyricon. Il nuovo omonimo album Satyricon è ancora fresco di pubblicazione per Roadrunner Records e le polemiche sul nuovo percorso intrapreso dalla band non si sono ancora placate. Noi li abbiamo visti durante la calata italica della band.

Satyricon + Chthonic

6 Dicembre,
Orion Club
Ciampino-Roma

Foto di Francesco Lucia

7 Dicembre
Magazzini Generali
Milano

Testo di Andrea Sacchi
Foto di Mairo Cinquetti

Probabilmente chi ha presenziato questo Sabato sera alla nuova calata italica dei Satyricon, che presenteranno il nuovo e affascinante studio album, non si immaginava di assistere ad un concerto di un certo spessore all’ora dell’aperitivo (se almeno ci avessero offerto due tartine…), di fronte a una band giustamente un po’ turbata dal dover suonare tanto presto e con lo stand del merchandise ufficiale relegato in un angolo del marciapiede esterno  ai Magazzini Generali, piazzato lì insieme agli abusivi e al simpatico porcaro, risolutore di mille sbronze. Ma chi siamo noi metallari beceri e puzzolenti per contrastare le logiche commerciali di un locale? Ah, nessuno, non siamo proprio nessuno…

Per fortuna riusciamo ad arrivare in loco non molto dopo le diciannove e trenta, ma è già tardi. I taiwanesi Chthonic sono sul palco da un pezzo ed è un peccato non potersi godere tutto lo spettacolo offerto, perché la band mostra un insieme impressionante, tanto che sembra che non vi siano differenze tra i suoni ottenuti dal vivo e l’album in studio. Guidati dal vocalist Freddy Lim (che sulle note di “Takao” canta e suona il tipico erhu) e dalla bella bassista Doris Yeh, i Chthonic sono scenografici e dominano lo stage con stile.

E ora tocca ai Satyricon. La formazione è allargata per ovvie esigenze, ma Satyr domina la scena insieme al laconico e sempre devastante Frost. Notiamo come i nostri, almeno nelle prime battute, sembrino lieti di suonare per l’audience milanese, omaggiata da applausi e ringraziamenti nonostante l’affluenza non sia certo delle più interessanti. L’intro “Voice Of Shadows”, tratto da “Satyricon”, apre le danze e lascia spazio a un’inaspettata quanto gradita “Hvite Krists Død”, molto apprezzata dai fan più legati al periodo medieval black iniziale ed eseguita dal gruppo con intensità e convinzione. Tuttavia, la possibilità che la data odierna potesse in qualche modo offrire una retrospettiva, è dipanata da una scaletta che pone l’accento sul recente periodo black’n’roll, il quale, per dirla tutta, ha alternato episodi discografici di buona fattura ad altri piuttosto pallidi. Talvolta si ha come l’impressione di assistere ad un concerto di puro e semplice rock, con un Satyr istrione e una band rigorosa ma piuttosto sciolta. Il pubblico risponde comunque bene e l’occasione è ghiotta per proporre dunque una gran parte della discografia recente, tra cui spiccano per coinvolgimento “Now, Diabolical”, “Black Crow On A Tombstone” e “The Pentagram Burns.” La performance scorre inappuntabile da un punto di vista esecutivo, i norvegesi non dimenticano l’interazione con il pubblico, ma l’umore della band sembra restare piuttosto basso. Encore veloce ma intenso, con la sempre emozionante “Mother North” e l’inno “K.I.N.G.” a chiudere uno spettacolo che avrebbe necessitato un contorno più adatto e magari più tempo. Caspita, sono le 21:45 e ci stanno già cacciando fuori…

Mairo Cinquetti

view all posts

Inguaribile punkettone e amante di tutto ciò che fa tupa-tupa. La mia dimensione ideale è dentro al pit, armato di reflex e pronto a immortalare tutti ciò che va oltre la musica.

andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login