Nickelback: Live Report della data di Milano

Dopo davvero tanto tempo (ben dieci anni) i Nickelback tornano sul suolo italiano per un grande concerto chiamato “The Hits Tour”, che fin da subito fa pensare ad una serata dedicata a tutto il repertorio classico dei musicisti canadesi.
Per l’occasione, data la tanto attesa data, Chad & co. Suonano al Mediolanum Forum di Assago, ottenendo un quasi sold out. Infatti, all’apertura dei cancelli, possiamo vedere un pubblico stipato e file chilometriche sia dall’entrata che dalla biglietteria, con una tipologia di pubblico vastissima.

Prima della tanto attesa entrata in scena dei Nickelback abbiamo gli americani Skillet, che con il loro grandissimo sound conquistano fin da subito il pubblico italiano. Le loro sonorità vanno dal metal melodico degli Evanescence al metalcore degli A Day To Remember, con qualche punta di rock classico, ma che nel complesso la musica risulta davvero gradevole e in molti sale la curiosità di riascoltare a casa le loro canzoni. Ottima la combo dei due cantanti, voce maschile di John Cooper e della batterista e cantante Jen Ledger, che oltre ad essere molto brava alla voce dimostra di saper gestire perfettamente in contemporanea sia il canto che la batteria. Apprezzati tanto anche i due violinisti. Insomma, un ammasso di stili che però nell’insieme risultano azzeccati, il pubblico ne è entusiasta e salutano gli Skillet con urla compiaciute.

Alle 21.15 precise le luci si spengono e parte ad altissimo volume la celeberrima marcia imperiale di Star Wars scritta da John Williams; la scenografia è davvero spettacolare: enormi schermi dietro la band che proietta o scene di videoclip dedicati alle canzoni in esecuzione (come per “Someday”), filmati ripresi direttamente da un cameraman nel pit verso la folla (come per “Rockstar”) non consentendo ai fotografi di poter agire da vicino, ma dal mixer; o riprendendo direttamente i volti dei membri dei Nickelback, da una telecamera professionale posizionata al centro del mixer. Per non parlare degli effetti di luce notevoli, degni di un set cinematografico, con grafiche eccezionali (come durante “Something In Your Mouth” con il testo del brano proiettato in maniera irregolare durante l’intera durata del brano).
Chad è in gran forma e interagisce tantissimo con il pubblico. Tanti gli scherzi sul pubblico italiano come popolo di bevitori, ricordando le sue vacanze in Italia quest’estate, e per dimostrare la vicinanza agli italiani effettua una pausa di qualche minuto ogni 2 o 3 pezzi, bevendo col chitarrista un bicchiere di vino. Normale reazione di un pubblico come il nostro, cantando classiche canzoncine da bevitore come “quando bevo son contento”, incuriosendo Chad al punto da farsi portare sul palco la traduzione in inglese della famosa canzoncina da bar italiana.
Stupenda anche a metà serata l’assolo di batteria di Daniel Adair, che, con una metallarissima maglietta degli Anthrax, effettua una performance impeccabile e davvero degna di nota, apprezzata anche dai meno esperti del settore.
In quanto alle canzoni, essendo appunto il “The Hits Tour”, ce n’è di tutti i gusti, dai più classici e storici brani come “How You Remind Me” e “Photograph” all’ultima “We Must Stand Together”, accontentando davvero tutto il pubblico.
Ottima anche la scelta dei brani del bis, suonando un grande cavallo di battaglia come “Burn Into The Ground” come gran finale, facendo saltare all’unisono l’intero Mediolanum e concludendo una grande serata di grandi hits e di ottima musica.

Finito tutto, il pubblico esce soddisfatto della bellissima serata, tornando a casa con un bellissimo ricordo nel cuore.

Setlist Nickelback:
01. Intro: Imperial March (John Williams song)
02. Animals
03. Woke Up This Morning
04. Photograph
05. Something in Your Mouth
06. Savin’ Me
07. Far Away
08. Never Again
09. Someday
10. Too Bad
11. Rockstar
12. When We Stand Together
13. Drum Solo
14. Follow You Home/S.E.X./All The Right Reasons (Instrumental Medley)
15. Gotta Be Somebody
16. Lullaby
17. Figured You Out
18. How You Remind Me

Encore:
19. Saturday Night’s Alright for Fighting (Elton John cover)
20. Burn It To The Ground

Setlist Skillet:
01. Whispers in the Dark
02. Hero
03. Sick Of It
04. Awake And Alive
05. The Last Night
06. Circus for a Psycho
07. Not Gonna Die
08. Monster
09. Rebirthing

marcella.fava

view all posts

Marcella Fava nasce a Reggio Emilia il 30 aprile 1988. Figlia d’arte, il padre è Antonio Fava, grande scrittore, regista, ma soprattutto attore teatrale e insegnate di Commedia dell’Arte di fama mondiale. La sua prima macchina fotografica è la polaroid di Barbie, all’età di 6 anni, che tutt’ora utilizza per divertimento. Le fotografie vengono fuori di qualità scarsa dati gli anni che ha, ma contengono tanta tenerezza e tanto affetto. Frequenta e si diploma presso il Liceo D’arte “Paolo Toschi” di Parma, a seguire il Centro Sperimentale di Fotografia “Ansel Adams” di Roma fino ad ottenere il Postgraduate Certificate in Professional Studies – Photography presso il Central Saint Martins – College of Art And Design di Londra, specializzandosi in reportage e fotografia analogica. Attualmente è fotografa a tempo pieno con sede a Reggio Emilia (anche se non si nega viaggi reportagistici in girando il mondo) e scatta per Metalus.it da circa 4 anni, unendo insieme alla fotografia l'altra sua grande passione, la musica!

1 Comment Unisciti alla conversazione →


  1. Giulio B

    ca**o non sono potuto andare: torneranno??
    spero quanto prima e non potro mancarli!

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login