Nervosa + Self Disgrace: Live Report e foto della data di Milano

Le ragazze brasiliane che formano il trio delle Nervosa sono in tour per la promozione del loro terzo album, intitolato “Downfall Of  Mankind”. Per questo tour sono programmate due date in Italia, la prima delle quali al famoso Legend Club di Milano. La serata, resa umida dalla pioggia primaverile, non ha fermato i fedeli metalheads che hanno riempito il locale a metà, ma comunque sono riusciti a creare un’atmosfera piena di energia in attesa della performance delle Nervosa. All’ultimo momento la band tedesca Rezet, che avrebbe dovuto esibirsi a sua volta, ha rinunciato alla partecipazione alle due date italiane del tour che lascia come support i Self Disgrace.

SELF DISGRACE

Tocca alla band italiana di aprire lo show, che dopo un lungo periodo di inattività è tornata con una nuova line-up ed un disco intitolato “Partner In Crime”. Con un suono oldschool thrash metal e con i death vocals da Dielle Green, la performance dei milanesi riempie di energia il pubblico presente. Con la loro musica non spettacolare o innovativa, hanno proposto varie canzoni dai loro due album in studio e il pubblico applaudisce, si accontenta. La loro setlist termina con due covers di due grandi del genere, gli Obituary e i Kreator, forse l’esecuzione di “Tormentor” è un po’ incolore,, ma infine il support act è quello che deve caricare gli spettatori, e gli sforzi dei Self Disgrace sono più che sufficienti a questo scopo.

NERVOSA 

Le tre giovani brasiliane salgono sul palco del Legend per mettere in ordine i loro strumenti e senza particolari scenografie sul palco, iniziando la loro esibizione davanti al pubblico milanese dopo aver risolto dei problemi con il mixaggio del suono. Fernanda Lira saluta i fans contenta del ritorno della band in Italia e comincia un’esibizione adrenalinica che rimarrà tale per tutta la sua durata. La frontwoman brasiliana, anche se piccola di statura, è una fonte di energia inarrestabile, una bassista eccezionale, accompagnata da Prika Amaral alla chitarra e da Luana Dametto alla batteria. La loro setlist contiene i pezzi più famosi come “Enslave“, “Kill The SIlence“, “Raise Your Fist” e il classico “Masked Betrayer“. Una musica che rimanda stile di Slayer e Kreator, ma declinata al femminile, con death vocals e molta semplicità nella tenuta del palcoscenico sono gli ingredienti del successo della band. La cantante ci presenta gli argomenti dei brani, che sono ispirati principalmente dalla quotidianità della loro patria, come i problemi del sistema sanitario, la politica ed altro. Le Nervosa sono delle professioniste di alto livello, peccato solo per i pochi spettatori presenti, che comunque hanno saputo apprezzare la bravura delle tre ragazze latinoamericane. Qualche brano in portoghese e riffs sempre più veloci, le Nervosa appaiono sempre più arrabbiate sul palco e sempre più energiche. Aspettiamo di rivederle presto.

La serata si è conlcusa in breve tempo ma è stata molto piacevole ed ideale per gli amanti del metal vecchia scuola.

 

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login