Eric Sardinas: Live Report e foto della data di Fidenza (PR)

Appena fuori dal casello di Fidenza si trova uno spiazzo in mezzo a una serie di centri commerciali, una specie di terra di nessuno che, gli organizzatori raccontano, si sta cercando di riqualificare con eventi live e bguona cucina emiliana. E’ il Villaggio del Gusto, l’ambiente che ospiterà una delle date live di Eric Sardinas di quest’estate, un evento gratuito, che richiama una nutrita schiera di pubblico di tutte le età e di tutte le tipologie. Eric Sardinas, del resto, sembra avere da tempo un rapporto stretto con l’Italia, dato che sono passati solo pochi mesi dal suo ultimo passaggio nei nostri locali e che ricordiamo le sue esibizioni, tamarre, certo, ma sempre interessanti, fin da quando faceva da opener per le date di Steve Vai. Il chitarrista in questo caso sembra poi particolarmente benn disposto nei confronti dei presenti, lui, che di solito tende ad essere uno di poche parole sul palco, impegnato a suonare e basta, con gli occhi perennemente nascosti dietro qualche cappello da cowboy che, insieme alle treccine e ai pantaloni a zampa ricamati in colori sobri tipo oro e argento, costituiscono un marchio di fabbrica. Ad incrementare questa atmosfera estremamente cordiale contribuiscono senz’altro le molte chiamate del pubblico sul palco, a cui Sardinas e i suoi Big Motor non mancano di rispondere con entusiasmo.
La formazione, classico gruppo a tre con Paul Loranger al basso e Demi Lee Solorio alla batteria, è ormai consolidata e si destreggia per oltre un’ora e mezza tra classici del blues come “Roadhouse Blues” e brani che non mancano mai nel repertorio live di Sardinas come “Get Down To Whiskey“, fra esplosioni di blues a tutto volume e melodie soffuse da ascoltare in silenzio, come la cover di “Indian Summer” dei The Doors, suonata in punta di dita da Sardinas e Solorio, che si limita ad accompagnare la chitarra picchiettando i piatti a mani nude.
Poche parole, un’atmosfera cordiale sia sopra che sotto il palco, per uno dei tanti live coinvolgenti a cui Sardinas ci ha abituati da tempo. Non importa quanto si sia fan nello specifico del chitarrista o del genere, si tratta sempre e comunque di uno spettacolo a cui vale la pena di assistere per le molteplicità del suo stile e per la sua capacità di emozionare e stupire.

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login