Header Unit

Dark Lunacy: Live Report della data di Brescia

Nel piccolo ma accogliente metal pub La Sfinge di Brescia si è tenuta l’ultima data italiana del tour di supporto al nuovo album dei Dark Lunacy, ‘Forget Me-Not’. Ad aprire la serata sono gli Esoterico, gruppo rock dal look dark devoto allo stile del Reverendo, ovvero Marylin Manson. Nel breve tempo a disposizione i quattro cercano di scaldare i presenti con brani semplici, diretti e dal buon ritmo. Le reazioni del pubblico sono tuttavia fredde, nonostante la prestazione complessiva degli Esoterico sia più che sufficiente, complice probabilmente il cantato in italiano e la proposta lontana dall’atmosfera che si sarebbe respirata successivamente.

Intorno alle 23.30 è la volta dei Dark Lunacy. Il gruppo parmense apre il proprio show proponendo le prime quattro tracce della loro ultima release: i suoni sembrano esser nitidi e messi ottimamente a punto, permettendo di distinguere chiaramente tutti gli strumenti. Grazie alla buona acustica riesce più facile notare come la band sia in forma, risultando precisa e commettendo solo saltuarie sbavature. Sorprende piacevolmente scoprire che dal vivo la musica decadente ed affascinante dei Dark Lunacy non si snaturi, pur acquisendo maggior impatto e volume. Certo è che un contesto simile è il più adatto per godere appieno di certe sfumature sonore, specie nella stagione fredda. Uno dei momenti migliori del concerto è senza dubbio l’esecuzione di ‘Dolls’, splendida gemma che apriva l’esordio ‘Devoid’, accolta molto positivamente dal pubblico bresciano. Purtroppo dopo solo un’ora di esibizione giungono i saluti della band, che si congeda tra applausi sentiti e meritati.

In definitiva abbiamo assistito ad una buona prestazione, testimonianza del valore dei Dark Lunacy, attualmente tra le migliori realtà del panorama italiano. La prossima tappa ora sarà il mini-tour italiano di supporto ai Dark Tranquillity, occasione importante per ampliare i consensi ed accrescere il proprio livello di notorietà.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login