Waiting For The Thundergods

Waiting For The Thundergods

Amon Amarth

Ancora una volta la loro caccia sarà un successo- la preda è costituita da un numero sempre maggiore di fan ad ogni nuovo appuntamento. Anche un’uscita debole come “Fate Of Norns” non ha cambiato questa situazione e con “With oden by our side”, i conquistatori di Tumba, vicino a Stoccolma, hanno ricominciato ad avanzare spediti. Esattamente due anni dopo quelle registrazioni, sono tornati ai Fascination Street Studio di Jens Bogren per creare “Twilight of the thundergod”. I locali in cui è situato lo studio, nell’area di Örebro, erano un vecchio bar: non stupisce che la band si senta come a casa propria. “Oltretutto c’è un supermercato a pochi passi di distanza”, Johann Hegg esulta."Jens aveva alcune nuove idee e prospettive in materia di songwriting e suono”. “Non siamo mai andato in città per far casino, però”. “Solo il nostro amico Kentha dei The Project Hate è venuto a farci una visita”. Durante questa visita hanno cercato di accendere della carbonella e questi tentativi sono finiti on line in un breve video blog dallo studio. Conclusione: i Maestri della Guerra non sono affatto anche i Maestri dei barbecue. Ma lo studio blog non permette alla fine di conoscere molto su come suonerà il loro settimo album. Fino a questo momento le dieci canzoni sono null’altro che mitologia e il gigantesco singer non intende rivelare nulla di più di quello che si può leggere sul sito della band. Al momento non è noto nemmeno l’artwork di copertina. “Ho scritto le liriche in uno stile caratteristico e ho voluto che la mia voce suonasse più versatile – doveva funzionare meglio abbinata ai riff. Non dico che prima non ci fosse questa affinità, ma alcuni punti erano troppo ripetitivi. Sono entrato in studio con i testi già praticamente finiti e ho sperimentato diverse linee e ritmi prima di scegliere come cantarle. Ma non preoccupatevi, non ci saranno clean vocals”. In “Knocking at your back door”, l’ode dei Deep Purple al sesso anale, Ian Gillan canta

Altro...

Lascia un commento

Login with Facebook:
Login