Header Unit

Arch Enemy: “Wages Of Sin” – Intervista a Angela Gossow

Una vita travagliata per Arch Enemy. Cambio di cantante in formazione, curiosità attorno alla figura di Angela Gossow, poi un rinvio a data da stabilirsi del loro disco, contrattempi o magagne del music business, ed alla fine anche per l’Europa la disponibiltà dell’assalto di ‘ Wages Of Sin‘, uno dei dischi che hanno scosso la scena del 2002. Ne abbiamo parlato proprio con Angela, partendo dal suo reclutamento all’ interno del gruppo:

” Feci un’intervista nel 99 per una rivista per la quale lavoravo al tempo, iniziammo a parlare di musica in genere e dissi loro che ero in una band metal. Diedi loro una cassetta con le cose che avevo fatto e rimanemmo in contatto. Quando cercarono un nuovo ruolo per il cantante di Arch Enemy Christopher si ricordò di me, mi contattò e l’audizione ha funzionato, così eccomi ad essere la cantante di Arch Enemy.

Ovviamente, la presenza di Angela a livello di alchimia nella band deve ancora esplodere:

” Ho raggiunto il gruppo e loro avevano già pronto il materiale, c’ era solo spazio per incidere quelle parti, ad ogni modo la mia presenza ha aumentato il fattore metal all’interno di quelle composizioni soprattutto a livello di arrangiamento e qualcosa sicuramente è diverso oggi da come venne composto in origine proprio in virtù del fatto che il mio ingresso inevitabilmente ha comportato dei cambiamenti. Stiamo provando delle cose nuove, su queste sicuramente il mio apporto anche a livello di tematiche e testi sarà più incisivo.

Nessuna difficoltà, invece per quello che riguarda l’assetto della voce per la cantante, nonostante questo potesse a primo avviso sembrare la parte più difficoltosa per il nuovo amalgama:

” Ascoltavo con piacere Arch Enemy anche prima del mio ingresso in formazione, mi piace la loro musica e per questo alla fine mi sono trovata da subito a mio agio sia con il materiale nuovo che con quello di repertorio. Nessun problema con le canzoni, mi piacciono molto e non ho avuto nessun problema, in definitiva, questa è la musica che mi è sempre piaciuta .”

Si era parlato di concerti in Italia, ma è la stessa Angela a raccontarci come sono andate le cose:

” Abbiamo parlato della possibile presenza al Gods Of Metal, ma alla fine non è stato possibile per noi partecipare alla manifestazione, anche se ci sono diversi festival estivi in programma. Volevamo suonare in Italia ma non c’è stato nulla di confermato. Ad ogni modo, ci sarà la possibilità in futuro di suonare nel vostro Paese, stanno giungendo diverse proposte in questo senso .”

La medesima cosa la si può dire a proposito del futuro della band:

” A proposito del rinvio del disco, credo sia giunto il momento di rinegoziare il contratto con la Century Media ed il management. Queste due entità hanno avuto dei problemi e il gruppo si è trovato in mezzo alla cosa senza potersi opporre o fare assolutamente nulla. In questo stato di cose, alla fine abbiamo accettato che loro pubblicassero il disco, almeno in Giappone. Visto poi che il mercato giapponese ci ha premiati, allora l’etichetta ha pensato che là fuori il disco poteva inte ressare anche ad altri, e nonostante il ritardo abbiamo ora il disco uscito anche negli altri Paesi. Di questo dobbiamo ringraziare soltanto i nostri fan, sono stati grandi in questa occasione come in tantissime altre.

Si scivola sullo stato di salute della band:

” Stiamo bene e ci stiamo preparando per i concerti. Ho visto grandiose recensioni del disco, credo che a questo punto siamo pronti non solo a riconquistare il Giappone, ma siamo anche in grado di ricevere attenzione dagli Stati Uniti e dall’Europa. Possiamo finalmente crescere, e questo ci elettrizza. In effetti nel periodo immediatamente precedente la distribuzione europea del disco ci siamo annoiati moltissimo, aspettando e rimanendo frustrati. Puoi immaginare cosa succede a un metallaro quando si sentr frustrato? Ecco, questo è quello che è successo alle canzoni che stiamo componendo, penso siano decisamente aggressive (ride) .”

Infine, un accenno alle ispirazioni dalle quali ha tratto origine il cantato di Angela:

” Non è difficile per me cantare in questo modo molto “energico” … Canto così da dieci anni (ride) credo di essere una “natural born killer” da quel punto di vista. Ho avuto dei problemi lo scorso anno con la gola, ma oggi come oggi curo meglio la voce e non credo possano subentrare dei problemi del medesimo tipo. Ho imparato dai miei errori, in definitiva. Mi sono sempre ispirata a modelli maschili, più metal in senso stretto rispetto ad esempio a Karin Crisis, ho sempre prediletto la musica di Morbid Angel e Slayer ad esempio, quindi per me è del tutto naturale cantare come in ‘Wages Of Sin’. Può sembrare strano detto da una donna, ma è in effetti così.”

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login