King Diamond: “Abigail II” – Intervista

Tre sono gli unici brani interi che compaiono sulla mia copia del promo: “The Storm”, “The Wheelchair” e “Spirits”. La scelta di mantenere intere proprio queste tre canzoni, ha un significato particolare ?

“Quando ci chiesero di selezionare delle canzoni per il promo, scegliemmo le tre più “normali” (se quelle sono le più “normali”, pensate cosa possa essere il resto del disco!! ndA). “Abigail II” è quanto di più teatrale, orrorifico e coinvolgente abbia mai scritto e, tornando a quanto stavamo dicendo poco fa, le canzoni che hai citato servono solo a far capire alle persone cosa andranno incontro, acquistando questo CD.

Farò carte false per accaparrarmene una copia il prima possibile, lo prometto!

“Ah, ah… allora ci risentiremo per sapere se sarai ancora in piedi dopo l’ascolto!  Abbiamo messo un sacco delle nostre energie nella registrazione di questo album: è molto più aggressivo dal punto di vista sonoro rispetto al primo “Abigail”, grazie anche al nostro nuovo batterista, Matt. Per non parlare poi degli arrangiamenti e delle chitarre, che hanno un sapore fresco e vitale.”

Come si dice in questi casi? “Stiamo lavorando per voi !” Riagganciamo il ricevitore in una serata brianzola, dove si sta materializzando una nebbia fittissima e gelata: io mi tengo stretto il crocefisso, e voi ?

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login